Roma, la finestra sul cortile alla scoperta dei tesori: mandate i vostri scatti al Messaggero

Venerdì 25 Maggio 2018 di Laura Larcan
C’era una volta il cortile, un piccolo mondo antico fatto di incontri e giochi, panchine e aiuole. Una corte “difesa” dalle palazzine, lontana dalla strada, sfogo di condomini e platea di chiacchiere. L’idea del Messaggero è quella di tornate a guardare i cortili, a osservarli dalla finestra, a esplorarne la vitalità e la bellezza. E poi fate uno scatto e mandatelo al nostro giornale per “Il mio cortile”, il nuovo contest fotografico. Le immagini che ci arriveranno saranno selezionate e pubblicate, poi una giuria di esperti premierà la migliore (a ilmiocortile@ilmessaggero.it). Sempre in tema di cortili (ma fuori contest) gli irriducibili appassionati esploratori di Roma possono scoprire le “corti” segrete dei palazzi nobiliari privati di principi e contesse. Domani e domenica infatti torna la manifestazione “Cortili aperti” promossa dall’associazione delle dimore storiche di Roma.

Un’occasione da non perdere per visitare luoghi sempre preclusi al pubblico, animati da intrattenimento di qualità, tra una visita guidata di giovani storici dell’arte, un concerto di musica classica, un reading e una mostra. Il tutto ad ingresso libero e senza la preoccupazione di prenotarsi. Palazzo Sacchetti accoglie mostra foto storiche, mentre Palazzo Montoro propone un allestimento di fotografia contemporanea. Statue, fontane, giardini, personaggi e aneddoti, i cortili dei palazzi aristocratici sono un universo di storie, dal sofisticato Palazzo Del Drago a via dei Coronari, allo scenografico Palazzo Taverna in via di Monte Giordano. È consigliabile studiarsi per tempo un itinerario (mappa alla mano) per godersi sorprese dopo sorprese, da via del Babuino a piazza Farnese. Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 22:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lo squillo di Vasco

di Marco Molendini