Roma, allarme a via del Corso, tir turco entra nella "green zone" fermato dai carabinieri. Il conducente: ignaro del divieto

Un tir di 12 metri con targa turca è entrato in via del Corso, in pieno centro a Roma, ed ha percorso un tratto di strada prima di essere fermato dai carabinieri. È accaduto oggi, venerdì santo, momento particolare per la sicurezza nella Capitale, ma il mezzo pesante è entrato a passo d'uomo ed è stato fermato dai militari dell'Arma che stanno effettuando i controlli di rito sul mezzo e sull'autista.
 
 

Il tir ha sconfinato nella green zone, la zona di protezione disposta dalle misure di sicurezza per la Pasqua nel centro di Roma, ed è stato intercettato e fermato dalla polizia. Le pattuglie hanno bloccato il mezzo non autorizzato e, accertata la buona fede dell'autista, è stato riaccompagnato sull'itinerario corretto. Secondo quanto si è appreso il conducente ignorava i divieti di circolazione.

«Non sapevo del divieto» avrebbe detto il conducente del mezzo, spiegando che doveva scaricare biancheria in un negozio del centro storico. Accertata la buona fede, l'uomo è stato accompagnato all'esterno dell'area di sicurezza. «Si è trattato di una normale operazione di polizia», ha sottolineato la Questura aggiungendo: «La circostanza dimostra la assoluta reattività del dispositivo di sicurezza della 'green zone', che non prevede chiusure predefinite ai varchi ma, come più volte chiarito, controlli rigorosi e capillari».
Venerdì 30 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 01-04-2018 19:09

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2018-03-31 15:45:16
Tranquilli la nostra intelligence è efficientissima. BUFFONI
2018-03-31 12:56:28
Meno male che siamo in mano ad un dispositivo di sicurezza ipercontrollato. Difatti via del corso e' la parallela di via torre spaccata !!!!!!!
2018-03-31 07:34:29
Hanno fatto entrare il bestione fino a via del Corso e parlano di controlli rigorosi e capillari. Come si dice a Roma...dai su, fatece ride !!!
2018-03-31 05:59:48
Una comica, una vergogna per chi ha vantano l' imponente servizio di sicurezza messo in atto, che dovrebbe garantire sicurezza in tutti i punti centrali e "caldi" di Roma. Evidentemente, Via del Corso è un punto freddo. Una vergogna per il Ministero del' Interno, per la polizia municipale e per i vigili urbani della disastrata capitale. Poco ci mancava che il turco arrivasse col TIR al Caffè Greco in Via Condotti per fare uno spuntino. Che ridicoli ! Le autorità di sicurezza, per dovere, dovrebbero scusarsi con i cittadini, per questa clamorosa "toppata", invece di affermare della "assoluta reattività del dispositivo di sicurezza della 'green zone". Ma quale reattività, se quel bisonte, per giungere al Corso, ha percorso per chilometri tutte strade interdette al traffico pesante, senza che nessuno lo fermasse. Povera Roma, in che mani sei !
2018-03-31 00:36:10
Io credo invece che il sistema di prevenzione non sia stato affato efficiente e tempestivo . Andava a passo d'uomo ed è stato fermato dopo aver percorso un tratto di Via del Corso prima di essere fermato dai Carabinieri. Sicuramente è entrato da Piazza Venezia anche se l'articolo non lo segnala. Non viene indicato come i Carabinieri l'abbiano fermato; mettendo un'auto di traverso sulla carreggiata come sembra dalle foto, o bloccandolo in maniera tradizionale cioè imponendogli restando a piedi di fermarsi? E se invece fosse andato a tutta velocità e avesse proseguito la sua corsa come hanno fatto i terroristi islamici ormai tante volte' Inoltre come mai solo per noi Italiani non esiste l'IGNORANTIA LEGIS, mentre per il conducente straniero sembra che la sua ignoranza sia una scusante? A parte il fatto che mi sembra molto strano che il TIR potesse passare per Via del Corso per recarsi ala sua destinazione. in ogni caso spero che si prendano provvedimenti di sicurezza veramente validi quali posti di blocco seri come quelli che ci sono al Colosseo ; blindati esercito e fioriere pesanti.
25
  • 3,3 mila
QUICKMAP