Le compagne degli arrestati urlano davanti alla Questura: «Poliziotti infami»

Giovedì 8 Novembre 2018
Una decina di donne, tra cui mogli e compagne degli arrestati, si è radunata all'alba davanti alla Questura di Roma dopo il blitz che ha smantellato l'organizzazione dedita allo spaccio di droga al Tufello. Alcune hanno inveito contro i poliziotti urlando «infami» e mandato baci al passaggio delle auto con a bordo gli arrestati. Secondo quanto si è appreso, anche nel corso delle indagini durante circa tre anni, dopo arresti in flagranza, alcuni componenti dell'organizzazione si radunavano davanti al commissariato per protestare. Per gli inquirenti la «spregiudicatezza» con cui affrontavano le forze dell'ordine anche durante l'attività d'indagine dimostrava la loro convinzione di essere «personaggi intoccabili». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Piumino, t-shirt e calzini bassi, ma i ragazzi non hanno freddo?

di Raffaella Troili