Roma, donna picchiata e rapinata in strada per pochi euro: paura a Tiburtina

Lunedì 12 Novembre 2018 di Marco De Risi

Un'aggressione, l'ennesima, intorno alla Stazione Tiburtina. La vittima è una romana di 30 anni che, sabato sera, è stata presa alle spalle, spintonata a terra e strattonata da un uomo di colore. Il rapinatore, molto probabilmente uno dei tanti immigrati schierati ormai nella malavita, è riuscito a fuggire con la borsa della trentenne. La rapina è accaduta su un tratto di via Arduino, poco distante da un magazzino di gomme, e alcuni passanti hanno soccorso la donna impaurita e tremante. Sul posto sono accorsi una volante della polizia e il personale di un'ambulanza. Fortunatamente la vittima, anche se ha sbattuto sull'asfalto, se l'è cavata con qualche escoriazione.

Ex Penicillina, altra violenza: lite a colpi di accetta

Omicidio Desirée, arrestato lo spacciatore dei farmaci: è un romano di 26 anni

«Quella donna raccontano in un bar poco distante la conosciamo, e non è ricca. Tanta violenza per prenderle una borsa che conteneva pochi euro. E non si tratta di un caso isolato». Nella porzione di territorio che ruota attorno alla stazione Tiburtina, le aggressioni e le rapine a scopo di rapina sono aumentate in modo esponenziale. I rapinatori sono italiani e stranieri, ma i residenti puntano l'indice da tempo sul fatto che la zona sia diventata raduno di immigrati, senza tetto, spacciatori. C'è preoccupazione per questa escalation di rapine e aggressioni. Intorno alla Stazione, nelle vie limitrofe, nei sottopassi, bivaccano notte e giorno extracomunitari, non solo ospiti del centro ex Baobab. La donna rapinata ha sporto denuncia al commissariato di zona: qui le sono state mostrate una serie di foto di pregiudicati di colore, già arrestati dalle forze dell'ordine. La vittima della rapina sembra non abbia riconosciuto l'aggressore. «È accaduto tutto in un attimo ha detto agli inquirenti non ho avuto il tempo di vederlo bene in faccia a tal punto da riconoscerlo».

«SIAMO ASSEDIATI»
Nella zona, oltre all'odore acre di fumo dovuto a roghi tossici, commercianti e residenti lamentano la massiccia presenza di immigrati. «Nessuno è razzista commenta un portiere di via della Lega Lombarda ma siamo assediati. Il problema è che alla stazione Tiburtina sono arrivati migliaia di stranieri il cui flusso sarebbe dovuto essere regolamentato. Ma così non è stato». Si aggiungono poi i problemi legati agli stabili occupati, come quello in viale delle Provincie, diventati fortini dell'illegalità. «Gli spacciatori trovano rifugio in questi stabili spiega un investigatore ed è quasi impossibile arrestarli. Sono i palazzi occupati a essere spesso i covi dove nascondere droga e refurtiva». E nel mirino è finito anche il centro ex Baobab, poco lontano dalla stazione Tiburtina, dove vengono accolti da volontari decine di profughi ogni giorno. Un viavai senza sosta dalla tendopoli alla Stazione, un fortino isolato che la notte non rende sicuro il passaggio e incute timore anche agli automobilisti. Un posto dove la malavita arruola i profughi per farli spacciare e commettere altri reati. Un'indagine della polizia ha appurato con una serie di arresti e sequestri come un'organizzazione europea assoldi i profughi per farli salire sui bus a Tiburtina per poi raggiungere le capitali europee con carichi di droga.
 

Ultimo aggiornamento: 11:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma