Terrorismo, Roma si blinda: Tevere e piazze sotto scorta

Terrorismo, Roma si blinda: Tevere e piazze sotto scorta
di Maria Lombardi
4 Minuti di Lettura
Sabato 19 Agosto 2017, 09:42 - Ultimo aggiornamento: 15:49


Massima sorveglianza degli obiettivi spagnoli, ancora più attenzione nella protezione delle aree pedonali, dei luoghi della movida e di tutti gli eventi dell'estate. Si terranno sott'occhio gli autonoleggi e i furgoni che ogni giorno attraversano la città. Dopo l'attentato di Barcellona, si alza l'allarme terrorismo anche in Italia e soprattutto a Roma che ospita le sedi diplomatiche. E poi aeroporti, stazioni e musei che restano da tenere sotto stretta sorveglianza dopo la strage sulla Rambla. «Il livello della minaccia non cambia», spiegano al Viminale, ma «l'attenzione rimane altissima». Ieri mattina il ministro dell'Interno Marco Minniti ha convocato una riunione del Casa, il Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo, con i vertici delle forze di polizia, dell'intelligence e con i rappresentanti della sicurezza di Spagna a Roma. Non sono state decise nuove misure ma è stato chiesto di verificare l'attuazione di quelle già adottate dopo i precedenti attentati. Oggi si terrà il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica per dare seguito alla circolare emessa dal Viminale.

LE SEDI DIPLOMATICHE
L'attenzione nella Capitale si concentra adesso nelle sedi di rappresentanza del paese colpito dall'attentato. Ma ci si preoccupa anche delle aree pedonali, in particolare piazza di Spagna, di Trastevere e delle manifestazioni sul lungotevere Tevere. Oltre all'Ambasciata, a Largo di Fontanella Borghese, ci sono il consolato spagnolo in via di Campo Marzio, la Reale Accademia in piazza di San Pietro Montorio, l'istituto Cervantes in via di Villa Albani. Ma sono anche gli appuntamenti dell'estate da tenere sotto controllo. Molte manifestazioni si sono già concluse. Ma sono ancora in corso i concerti a Villa Celimontana, le proiezioni e gli incontri all'Isola Tiberina, i film a piazza Vittorio e soprattutto richiamano tanta folla le bancarelle e gli eventi sul lungotevere. Le manifestazioni sul fiume sono due, Lungo il Tevere, a Ponte Garibaldi, e TeverEstate a Castel Sant'Angelo. E sono quelle considerate più critiche, dal punto di vista della sicurezza, per la difficoltà a raggiungere le sponde del fiume. In pratica, per lunghissimi tratti l'unico collegamento con la strada sono le scale e sarebbe davvero problematico intervenire, in caso di necessità, da parte dei soccorsi.

LE MANIFESTAZIONI
Domani ricomincia il campionato e l'Olimpico torna sotto sorveglianza speciale: domenica si gioca Lazio-Spal e il 27 Roma-Inter. Il ministro dell'Interno ha chiesto tramite i prefetti una griglia di tutte le manifestazioni in programma e una verifica delle direttive già emanate: dai filtraggi all'ingresso, alle barriere new jersey per chiudere le strade. Già dopo gli attentati sul London Bridge e al Borough Market erano state rafforzate le misure di sicurezza per gli eventi estivi non solo con la presenza delle forze dell'ordine, ma anche attraverso addetti privati. Il capo della Polizia Franco Gabrielli, già dopo Manchester, aveva diramato una circolare a questori e prefetti per chiedere agli organizzatori di appuntamenti «che attrarranno un elevato afflusso di persone» di fornire «un servizio di steward calibrato in relazione alle esigenze». Restano sotto stretto controllo i quartieri più affollati nelle notti dell'estate: piazza Cavour, Trastevere, San Lorenzo, il Pigneto, l'area di Campo de' Fiori. I 2mila soldati presenti a Roma per l'operazione Strade sicure continueranno a vigilare sulle stazioni della metropolitana e sui monumenti storici, dal Colosseo all'area di San Pietro, al Tridente, a cominciare da via del Corso.

GLI AUTONOLEGGI
Nel corso della riunione del Casa di ieri è stato esaminato l'attacco di Barcellona. Il furgone usato per l'attentato è stato noleggiato. Impossibile mettere sotto controllo tutte le procedure di questo tipo. Ma a livello investigativo la verifica incrociata di questi dati con altri, per esempio quelli delle generalità rilasciate in hotel e bed and breakfast, che già arrivano in questura, può risultare fondamentale per individuare situazioni sospette. Gli autonoleggi verranno sensibilizzati a segnalare eventuali anomalie.

AREE PEDONALI
Massima allerta sulle aree pedonali, già presidiate - da piazza di Spagna a via del Corso a via della Conciliazione e così via - ma sono allo studio misure per renderle ancora più protette, dove è possibile con barriere di sicurezza anti-veicoli. La zona pedonale di Trastevere è considerata ancora troppo vulnerabile e desta qualche preoccupazione. Resta alta la sorveglianza anche nelle principali stazioni della città e negli aeroporti. A Fiumicino il dispositivo di sicurezza è assicurato da pattuglie di agenti di polizia, carabinieri e militari della guardia di finanza, tutte dotate anche di unità cinofile, a cui si aggiungono i militari dell'Ottavo reggimento dei Lancieri di Montebello.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA