Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lotta agli abusivi, finto tassista a Termini: «20 euro per 2 chilometri»

di Raffaele Nappi
2 Minuti di Lettura
Giovedì 29 Gennaio 2015, 05:58 - Ultimo aggiornamento: 08:26
Taxi? Taxi? Parlano a voce alta, a volte in inglese, per attirare l'attenzione dei turisti appena scesi dagli autobus, si appostano in luoghi strategici, li invitano a salire sul proprio taxi abusivo, chiedendo cifre astronomiche una volta giunti a destinazione. La rete dei tassisti abusivi nella capitale cresce. «Mi hanno chiesto 20 euro per 2 chilometri» – racconta Rouven, studente tedesco in visita a Roma insieme alla fidanzata, finito nella trappola dei tassisti abusivi qualche giorno fa. «Siamo arrivati da Fiumicino alla stazione Termini poco dopo la mezzanotte. Appena scesi dal bus siamo stati avvicinati da una serie di uomini che si dichiaravano tassisti. Siamo saliti su una Mercedes scura, parcheggiata nei pressi della stazione, senza nessuna indicazione ufficiale, né una scritta Taxi». Ma la sorpresa più grande c'è stata al momento del pagamento. «Il tassista ci ha chiesto 20 euro, e non erano trascorsi nemmeno 5 minuti dalla partenza». Da Termini a Porta Maggiore. E la fattura? «Neanche l'ombra».



NUOVE STRATEGIE

I taxi abusivi hanno cambiato strategia. Ora non è più il cliente ad andare da loro: sono loro ad andare direttamente dai clienti. Si appostano nei punti nevralgici, cercando di sovrapporsi ai tassisti regolari: da Fiumicino a Termini, passando per gli stazionamenti dei bus che collegano il centro città con i due scali romani.

Gli abusivi si fingono tassisti, ma le vetture di cui dispongono sono tutt'altro che regolari. Le parcheggiano poco lontano dagli stazionamenti dei pullman. «Dai, facciamo un prezzo particolare». Una volta saliti ci si rende conto di essere in una macchina del tutto normale, altro che taxi. Nessun tassametro, nessuna scritta sulla carrozzeria, nessun registro per le ricevute. Abbiamo provato a fare lo stesso percorso descritto dallo studente tedesco: da Termini a Porta Maggiore, poco più di 2 chilometri. Stessa ora, stesso tipo di autista. E stesso risultato. «20 euro, prego». E la ricevuta? Non è prevista. Una corsa in un taxi regolare, sullo stesso percorso, alla stessa ora (dopo mezzanotte), costa esattamente la metà: 10 euro, con tanto di ricevuta. «Non possiamo fare molto per difenderci», racconta Valentino, tassista a Termini. «Sappiamo che gli abusivi ci sono, ma non è nostro compito allontanarli».

«Purtroppo stiamo parlando di suolo pubblico», commenta Marina Solazzi, responsabile relazioni esterne Trenitalia. «In questi casi, oltre alla Polfer, c'è poco da fare. Per noi è impossibile controllare tutti coloro che si avvicinano all'area Arrivi».