SCIOPERO

Tassista violentata, i colleghi: «Sciopero contro silenzio Comune di Roma, città diventata far west»

Sabato 9 Maggio 2015

«Lunedì presenteremo formale richiesta al prefetto per una giornata di sciopero». Ad annunciare la protesta è uno dei portavoce dei tassisti romani, Alessandro Genovese. Un corteo che annuncia la presenza di migliaia di tassisti, che sarà aperto dalle circa 800 donne che oggi guidano il taxi a Roma.

«Purtroppo la misura è colma e non possiamo continuare a rimanere inermi davanti all'assordante silenzio dell'amministrazione di Roma Capitale», continua Genovese in rappresentanza di Uil Trasporti, Federtaxi Cisal, Ugl Taxi, Fit Cisl Taxi, Usb Taxi, Ati taxi e associazione di tutela legale taxi.

«Il servizio pubblico taxi è ormai in balia di una serie di episodi che vanno dall'aggressione, alla rapina a mano armata, per giungere alla recente violenza sessuale consumata a danno di una collega - spiegano i sindacati dei tassisti - Assieme a questi episodi, nella totale indifferenza che è una delle caratteristiche fondanti di quest'Amministrazione Comunale l'abusivismo regna sovrano nella Città Eterna che ormai somiglia sempre più ad un vero e proprio Far West».

Per tutti questi motivi - continuano i tassisti - Roma oltre ad essere la Capitale dell'abusivismo, diventa anche la Capitale dell'insicurezza. «Queste sono le ragioni per le quali abbiamo deciso di proclamare una giornata di fermo cittadino del servizio - dice Genovese - con conseguente manifestazione, durante la quale esprimeremo tutto il nostro disagio e chiederemo alle istituzioni, misure atte a prevenire e contrastare questi incresciosi fenomeni, che quotidianamente penalizzano e mettono in serio pericolo l'incolumità dei tassisti e delle tassiste romane».

© RIPRODUZIONE RISERVATA