Stefano Fiore, ex calciatore Lazio, condannato a un anno e 11 mesi per omicidio stradale

Mercoledì 10 Ottobre 2018
L'ex calciatore Stefano Fiore patteggia un anno e 11 mesi: aveva ucciso un 22enne in incidente d'auto

Stefano Fiore è stato condannato a un anno e 11 mesi con sospensione della pena, dopo aver patteggiato oggi davanti al gup di Roma. L'ex calciatore della Lazio è stato condannato per aver causato la morte di un ragazzo di 22 anni il 16 aprile 2017 in un tamponamento a catena sulla Flaminia, in cui rimase anche ferito il padre della vittima.

LEGGI ANCHE Stefano Fiore, ex nazionale azzurro, rischia il processo per omicidio stradale
 


L'incidente avvenne all'altezza di Saxa Rubra e nel procedimento Fiore era imputato per omicidio stradale e lesioni personali gravi. In particolare, secondo l'accusa, Fiore procedeva «ad una velocità eccessiva in relazione alle condizioni del traffico, della visibilità e della strada, non mantenendo una distanza di sicurezza adeguata dal veicolo che lo precedeva» e provocò per questo un tamponamento a catena, «così da causare la morte» del 22enne.
 
«Oggi si chiude una parte della vicenda che ha riguardato i miei assistiti. È un processo che non avremmo mai voluto celebrare per il dolore lo avvolge - commenta l'avvocato Ettore Jacobone, difensore di parte civile - Anche perché nessuna sentenza di condanna riuscirà a colmare il profondo dolore in cui vivono tuttora i genitori» della vittima.

Ultimo aggiornamento: 19:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti