ROMA

Tra ambulanti e abusivi in centro spunta il venditore di ciambelle fritte: denuncia e multa di 5.160 euro

Domenica 10 Gennaio 2016
Venghino signori, venghino: vendesi ciambelle, in piena piazza del Popolo. Un ragazzo con tanto di bancarella improvvisata è stato avvistato in pieno centro di Roma nel pomeriggio di domenica: ciambelle e bombe fritte per passanti e turisti affamati. Un nuovo esordio in mezzo ad ambulanti e caldarrostari: presumibilmente nessuna licenza e nessuna sicurezza sul cibo venduto, come hanno del resto verificato i vigili del gruppo Trevi intervenuti dopo la segnalazione sul sito web del Messaggero. L'immigrato aveva sistemato il banchetto fortuna questa volta in via del Corso, angolo via S.Giacomo. Gli agenti - come è riportato in una nota - lo hanno identificato e multato con un verbale di 5.160 Euro, sequestrando la merce che sarà distrutta anche perché impossibile da tracciare.
Da accertamenti e testimonianze è emerso che l'uomo aveva precedentemente tentato la vendita in piazza del Popolo, fuori della chiesa al momento dell'uscita dei fedeli. L'inasprimento dei controlli sull'abusivismo commerciale è stato ordinato dal commissario straordinario Francesco Paolo Tronca e affidato alla polizia Locale, gruppo Trevi, reparto Commercio su aree pubbliche.
Ultimo aggiornamento: 22:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani