Roma, acconto di 100 euro per la macchina usata, poi ricatta il proprietario: «Sono Casamonica, paga se rivuoi l'auto»

di Marco Carta
Un acconto di 100 euro per acquistare la macchina usata e poi il ricatto al proprietario: «Sono un Casamonica. Se la rivuoi devi pagare». Dopo aver raggirato la vittima, sperava di incutere terrore, ricorrendo al prestigio criminale del suo cognome. Invece, Takhamat Lhoucine, un cittadino marocchino, decide di non piegarsi all'ingiustizia, denunciando il 69enne Guido Casamonica, uno dei più rispettati esponenti del clan sinti. Che ora si trova a processo per estorsione e truffa. Tutto nasce da un annuncio che il...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 17 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:55

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-05-17 12:31:25
Lui salta da un conto in banca pesante all'altro, grande!!!
2018-05-17 11:01:41
ora le nostre leggi che gli faranno ? provo ad indovinare ?
2018-05-17 10:59:35
chissà perchè molti sono razzisti verso i rom e li chiama zingari? E' un mistero.
2018-05-17 10:14:36
è una piaga questa dei casamonica
2018-05-17 09:41:31
ma li vogliamo mettere i Casamonica tutti in galera?
QUICKMAP