Roma, prostituta finisce in ospedale per le botte del compagno. Lui voleva i 20 euro di incasso

Roma, prostituta finisce in ospedale per le botte del compagno. Lui voleva i 20 euro di incasso
di Alessandro Tittozzi
2 Minuti di Lettura
Martedì 29 Settembre 2015, 15:09 - Ultimo aggiornamento: 16:20
E’ stata picchiata violentemente dal convivente perché non voleva consegnargli i 20 euro guadagnati prostituendosi. Ed ora una donna di 44 anni si trova all’ospedale Vannini con traumi su tutto il corpo. Per l’aggressore, invece, è scattata la denuncia per maltrattamenti in famiglia e sfruttamento della prostituzione. E’ accaduto venerdì scorso in via dell’Arco di Travertino, zona Tuscolana.



La segnalazione giunta al 113 ha riferito di una donna malmenata in strada da parte di un uomo, ma quando gli agenti della polizia sono arrivati sul posto la vittima era stata già accompagnata in ospedale con l’ambulanza.

Ascoltata dagli agenti del commissariato Appio Nuovo, la donna raggiunta al pronto soccorso, ha raccontato di essere stata picchiata dal convivente, un romano di 49 anni, il quale, dopo aver preteso dalla stessa 20 euro – denaro guadagnato prostituendosi - al rifiuto di questa, ha iniziato a colpirla con un ombrello in ogni parte del corpo.

La donna ha aggiunto che da tempo era costretta a prostituirsi e che non poteva più frequentare i propri parenti. Da quel momento i poliziotti hanno iniziato le ricerche dell’uomo che nel frattempo aveva fatto perdere le proprie tracce e, ieri mattina, è stato rintracciato a Rocca di Papa nella sua abitazione.



Accompagnato negli uffici del commissariato, l’uomo è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia e sfruttamento della prostituzione. Per evitare possibili futuri soprusi, è stato richiesto all’autorità giudiziaria l’emissione di un provvedimento che vieti all’uomo di avvicinarsi alla convivente, attualmente collocata in una struttura idonea ad accoglierla.