Roma, a Ostia una rotatoria intitolata a un attivista grillino: l'idea del Municipio M5S

Mercoledì 12 Settembre 2018 di Mirko Polisano
8
Presentazione dell'allora gruppo
Scoppia a Ostia il caso del rondò intitolato a Claudio Zolesi, presidente di associazioni ambientaliste sul territorio ma anche attivista M5S: il primo a portare i meet up degli allora “Amici di Beppe Grillo” nel Municipio del mare di Roma. E oggi la maggioranza pentastellata targata Di Pillo vuole rendere omaggio al suo «padre pellegrino» dedicandogli l’intitolazione di una rotatoria. L’atto sarà discusso domani in Consiglio municipale e porta la firma del capogruppo di maggioranza Antonio Di Giovanni, della presidente dell’aula Catia Guerreschi e del consigliere Vittorio Allegrini. 

Il documento
La proposta di risoluzione è stata protocollata il 3 settembre e con questo documento la commissione Politiche sociali e sport impegna il presidente del X Municipio a intitolare a Claudio Zolesi il rondò di viale della Vittoria, angolo via della Pineta di Ostia per «il suo impegno nei confronti dei giovani, del territorio, dell’ambiente e della trasparenza amministrativa», recita la mozione. Ma non solo. Il testo lo ricorda anche come «presidente fondatore di Ostia in Bici e Ostia che cammina per il suo contributo culturale e storico e per il suo impegno politico a sostegno delle categorie più fragili». Nessun riferimento però alla vicinanza con il Movimento : dai banchetti per i “Vaffa Day” in piazza Anco Marzio alle battaglie con l’attuale presidente del X Municipio, la pentastellata Giuliana Di Pillo, fino alla candidatura di Zolesi alle elezioni del 2008, come capolista grillino: «“Ostia che cammina” fu una palestra di idee- ha scritto la presidente Di Pillo sul suo sito internet - Ci si riuniva a casa di qualcuno e si stava fino a notte fonda a ragionare. In queste riunioni iniziammo a conoscere il blog di Beppe Grillo». 

La contesa
«A fronte di tutti i problemi che abbiamo sul territorio - fa sapere il consigliere civico Andrea Bozzi (Ora e Un sogno comune) - la maggioranza cinquestelle si preoccupa di intitolare un rondò ad un cittadino che è stato un loro compagno di partito, utilizzando le istituzioni come un circolo privato. Con tutto il rispetto per la persona, le priorità che abbiamo sono altre e se si vuole fare un ragionamento sulla toponomastica, senza inflazionare tra l’altro lo strumento del ricordo, lo si faccia semmai in modo imparziale e con un ragionamento generale e non a spot personali».«Sono passati dieci anni dalla scomparsa di Claudio Zolesi e mai in questi giorni la sua visione e il suo insegnamento sono rimpianti da molti», fanno sapere dalla maggioranza del X Municipio.  Ultimo aggiornamento: 12:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA