Roma, schianto in scooter a Trastevere: 35enne muore dove investì la 21enne Irene Morabito

Venerdì 22 Giugno 2018 di Alessia Marani
13
Roma, schianto in scooter a Trastevere: 35enne muore dove investì una ragazza

Nel marzo del 2009 finì alla sbarra perché accusato di avere investito in auto sul lungotevere, nei pressi della Sinagoga, Irene Morabito, all'epoca 21enne, finita in coma per lunghissimi giorni, e poi di essere fuggito via. Mercoledì sera, Massimiliano Milotti, architetto, classe 1983, è morto proprio sul lungotevere, a Ripa Grande, non distante dal luogo di quell'altro incidente.

LEGGI ANCHE Roma, schianto tra auto e moto su Lungotevere della Vittoria: morti due giovani, un terzo è grave

Un destino drammatico e beffardo. Massimiliano era a bordo del suo scooter Sh e stava rientrando dal lavoro verso casa, nel quartiere Vigna Pia, zona Portuense. All'improvviso, per cause ancora da accertare, nel punto alto della strada prima della biforcazione del semaforo di Ponte Sublicio, ha perso il controllo del mezzo, ha sbandato paurosamente e si è schiantato. Erano le 18,45. Testimoni hanno riferito agli agenti della Polizia locale che «il ragazzo ha fatto tutto da solo». In quel punto l'asfalto è stato rifatto di recente e non ci sono buche.

«Forse una distrazione, non si sa. Ma ora è solo il momento del dolore - dicono i familiari e gli amici a Vigna Pia - la morte sul lungotevere è una terribile coincidenza. Massimiliano è stato assolto, a che serve rivangare il passato?». Il suo legale dimostrò che Massimiliano non fuggì via e l'appello contro l'accusa di lesioni colpose, e non dolose, presentato nel 2011 si può dire prescritto. All'epoca, al momento dell'arresto, Massimiliano apparve molto spavaldo, ma poi si disse sempre «molto angosciato» per Irene.

Ultimo aggiornamento: 18:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA