ROMA

Roma, colombiana trovata impiccata nella villa di un imprenditore: Antonieta la pierre conosciuta da mezza Roma

Sabato 18 Giugno 2016 di Veronica Cursi
1

Il suo ultimo post è di ieri alle 14. Antonieta stava mangiando in un ristorante sull'Appia Antica a pranzo. Qualche ora dopo sarebbe andata a Ciampino a trovare un imprenditore di 70 anni, proprietario della villa dove verso le 23 è stata trovata impiccata con un lenzuolo alla scala. Cos'è successo in quelle ore? Chi è l'uomo che Antonieta era andata a trovare? Che rapporti aveva con lui?

QUATTRO PROFILI FACEBOOK
Antonieta era un'estetista e pierre di 35 anni, aveva due figli, era nata in Colombia ma era molto conosciuta a  Roma. Su Facebook aveva quattro profili diversi dove condivideva foto, video, racconti di serate passate con gli amici, vacanze al mare e feste. Una vita ultra social. Bella e piena di conoscenze: sembrava tutt'altro che una ragazza depressa con volontà suicide. Tra gli amici compaiono professionisti, manager, giornalisti, medici e pierre molto conosciuti nella capitale.
Due giorni fa aveva postato una foto che la ritraeva abbracciata a un gruppo di amici durante una serata a Palazzo Dama: «Serata bellissima e produttiva - scriveva - Non ci fermiamo mai. Sempre positivi, propositivi e soprattutto accanto a chi veramente mi vuole bene!». Quasi tutti i suoi post iniziavano con la frase: «Buongiorno mondo bello!».
Parlava di vita, di politica, di fatti di cronaca: sui social condivideva il suo mondo. Un mondo sempre in movimento: ogni sera un pranzo e una cena fuori e poi le giornate in palestra, i cataloghi da modella.
Conduceva un programma sul web "I segreti di Anto" dove dispensava consigli di bellezza e suggeriva cosa mangiare, come dimagrire e stare in forma. 

 

Ma Antonieta non era solo movida e social. Aveva due figli, un maschio e una femmina avuti da giovanissima che amava moltissimo. Proprio il 30 maggio, pubblicando una foto con il figlio maggiore scriveva: «Pensi a tutte le cose che succedono nella tua vita.. belle, bellissime, brutte e anche gli attimi di pazzia che vivi in quel momento senza pensare al futuro. Poi ti soffermi e vedi questo uomo, frutto della mia incoscienza da ragazza, e mi rendo conto che è stato il momento più bello in assoluto. Ti amo figlio mio».
Tante foto con amici, ma nessun uomo in particolare se non fosse per quel post datato 26 febbraio 2015: "Fidanzamento ufficiale". Poi il nulla, nessun riferimento a fidanzati o compagni.  Si dice che fosse depressa per la fine di una storia. Ma nella sua vita social, sempre condivisa, sempre connessa, nessun riferimento a un momento brutto. Anzi. Antonieta incoraggiava con la sua vitalità. «Alla fine dei conti - scriveva - nella tua vita ti rendi conto le cose su cui puoi contare sempre é la tua ANIMA quella che hai dentro e ti da l'Energia per goderti ogni momento. Ritrovate quella energia e non la sprecate».

 

Ultimo aggiornamento: 15:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Book crossing”, a Roma a volte non funziona

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma