Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, la fontana di Campo de' Fiori sfregiata dai tuffi dei francesi

Roma, la fontana di Campo de' Fiori sfregiata dai tuffi dei francesi
di Lorenzo De Cicco
2 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Luglio 2018, 08:27 - Ultimo aggiornamento: 19:01

Si arrampicano sulla vasca ottocentesca, conquistano l'anello più alto, aprono le braccia, aria di sfida. C'è la sbornia del trionfo e il ghigno da conquistatori, della Coppa del Mondo, certo, ma anche di un monumento di Roma che per diversi minuti diventa il bottino dei nuovi «barbari» in gita, come li chiama Vittorio Sgarbi. La festa dei francesi di stanza a Roma assomiglia, per certi versi, alle scene che si erano viste alla Barcaccia di piazza di Spagna nel 2015, l'assalto sguaiato degli hooligans olandesi del Feyenoord al gioiello del Bernini che sbuca ai piedi della scalinata di Trinità dei Monti. Un déjà-vu per la Capitale, quello di ieri, appena il triplice fischio sul prato di Mosca ha consegnato ai transalpini il trofeo più ambito.

LEGGI ANCHE Roma, tifosi francesi nella fontana di Campo de' Fiori. Raggi: vergognoso
 


La gioia, si sa, è incontenibile, ma quando si è ospiti certi paletti vanno rispettati. Invece no, i tifosi francesi che ieri sera si sono riversati per le strade dell'Urbe non si sono limitati ai cori festosi, agli schiamazzi, a una bevuta celebrativa. La sbronza del trionfo li ha guidati fino a Campo de' Fiori e il bersaglio della festa è diventata la storica fontana guardata dalla statua di Giordano Bruno, copia ottocentesca della vasca della Terrina, progettata da Giacomo della Porta per la piazza e realizzata nel 1590. Dopo l'incursione dei francesi sono rimasti i segni dello scempio, le impronte delle scarpe, i bicchieri rotti. Commenta ancora Sgarbi: «Queste scene mostrano il livello di civiltà di un popolo. Noi siamo in grado di autoregolarci, francesi e olandesi sono barbari, mi viene in mente il sacco di Roma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA