Roma, coltiva piante di cannabis ma Google Maps lo fa arrestare

Sabato 4 Agosto 2018
12
Coltivava piante di cannabis ma Google Maps lo fa arrestare

Coltivava painte di cannabis alte tre metri. Troppo per non essere intercettare dai satelliti di Google Maps che l'hanno rilevata e fotografata. Così è stata scovata dai Carabinieri della Stazione di Ariccia una rigogliosa piantagione nelle campagne di Lanuvio, con piante di cannabis indica alte più di tre metri. In manette il proprietario dell'«insolito vivaio», un giovane accusato di coltivazione e produzione di sostanza stupefacente.

LEGGI ANCHE Marijuana legale, si rischia l'arresto: il caso di un 37enne romano

A scoprire la piantagione è stato un Carabiniere libero dal servizio che, transitando nell'area, ha avvertito l'inconfondibile odore della marijuana senza però, in prima battuta, riuscire ad individuare il sito. Immediatamente è scaturita una più complessa attività di ricerca che ha permesso ai Carabinieri di localizzare la piantagione, situata in un fossato naturale circondato da folta vegetazione e dirupi. I successivi servizi di osservazione ed una minuziosa mappatura dei terreni circostanti, hanno permesso di individuare l'area privata, di proprietà del giovane, che alimentava l'ingegnoso sistema idrico, dislocata a centinaia di metri dal sito.

All'interno dell'abitazione dell'arrestato, i Carabinieri hanno rinvenuto ulteriore sostanza stupefacente, già essiccata e imbustata per un peso di 120 grammi nonché materiale per il confezionamento e pesatura. Il «coltivatore» è stato associato presso il carcere di Velletri a disposizione della locale Procura della Repubblica. La sostanza sequestrata è stata quantificata in 21 kg che, qualora immessa sul mercato, avrebbe fruttato diverse migliaia di euro. Singolare curiosità è che la piantagione illegale era ben visibile anche dalle immagini satellitari del sito di Google Maps.

Ultimo aggiornamento: 6 Agosto, 00:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti