ROMA

Roma, traffico di rifiuti tossici, denunciata una famiglia rom: giro d'affari da 100 mila euro

Sabato 16 Giugno 2018
14

Un'indagine approfondita da parte della Polizia Locale di Roma Capitale ha permesso di scoprire un'associazione criminale dedita ad attività illegali nel settore dei rifiuti pericolosi. Nell'ambito di una serie di accertamenti su un traffico di rifiuti tossici all'interno dei campi nomadi, la Polizia Locale ha denunciato un nucleo familiare, padre, madre ed un ragazzo di 21 anni, di nazionalità rumena, dimoranti nel Camping River, per gestione illecita di rifiuti e stoccaggio, oltreché per il reato di ricettazione.
 

 

Le indagini hanno avuto inizio a marzo di quest'anno, quando, durante delle operazioni di controllo sui mezzi diretti al campo di via Tenuta Piccirilli, una pattuglia della Polizia Locale del Gruppo SPE ( Sicurezza Pubblica Emergenziale), ha intercettato un furgone diretto al camping. Al'interno dello stesso gli agenti hanno rinvenuto uno stock di batterie esauste di auto, con conseguente denuncia del conducente per il trasporto abusivo e sequestro del mezzo. Da qui è proseguita una complessa attività investigativa, che ha portato alla luce un ingente traffico di quello che può essere definito il «nuovo oro» dei rifiuti pericolosi. Il gruppo di etnia rom era il riferimento di una vera e propria organizzazione criminale finalizzata ad operazioni di stoccaggio abusivo ed allo smistamento illegale di materiali altamente tossici: 130 tonnellate solamente negli ultimi sei mesi, per un giro di affari che attualmente ammonta a 100.000 euro.

I caschi bianchi durante alcune perquisizioni hanno scoperto le basi logistiche ed operative, sia nel territorio romano che nel comune di Montecompatri: una serie di depositi di rifiuti pericolosi, riconducibili alla famiglia di origine rumena, gestiti illegalmente tramite due società operanti in Italia ed in Romania, intestate agli indagati. Nel corso di tali interventi sono state rinvenute, inoltre, tre biciclette della ditta di bike sharing «Obike», per cui si è proceduto anche per il reato di ricettazione. Le verifiche svolte dagli agenti appartenenti ai gruppi SPE, GPIT, VI Torri e IV Tiburtino, coordinate dal Comando Generale (Pianificazione Servizi Operativi), hanno fatto emergere a carico del nucleo familiare una situazione finanziaria di dubbia compatibilità con qualsiasi forma di sostegno economico - sociale, in pregiudizio di altri gruppi realmente indigenti. Ulteriori indagini sono tuttora in corso.

 

Ultimo aggiornamento: 18:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma