ROMA

Rifiuti a Roma, è ancora caos e ora la Toscana frena: «Pieni i nostri impianti»

Lunedì 11 Dicembre 2017 di Mauro Evangelisti
«Non abbiamo ancora deciso, non so se diremo sì all'arrivo dei rifiuti romani. Qui in Toscana abbiamo comunque un problema con inceneritori e discariche, che prima di tutto devono smaltire i rifiuti delle nostre province». Federica Fratoni, assessore regionale all'Ambiente della Toscana, invita a non dare nulla per scontato. Peccato che a Roma per evitare che la situazione già critica di questi giorni degeneri contino molto in questo accordo, secondo cui gli impianti della regione confinante dovrebbero accettare l'indifferenziato inviato dall'Ama. Dalle periferie - da Tor Bella Monaca come dalla Cassia oltre il raccordo, dalla Tuscolana al X Municipio a partire da Acilia - su molti marciapiedi ci sono ancora i rifiuti non raccolti. Gli impianti di Ama stanno viaggiando a pieno regime, ma stressando i macchinari si rischiano i guasti, che in questo momento rappresenterebbero una catastrofe. Oggi la giunta regionale della Toscana discuterà del possibile accordo con il Lazio per aiutare Roma. Piccola parentesi: già nel 2015 la Toscana ricevette spazzatura di altri territori. Ricorda Federica Fratoni: «Allora il Movimento 5 Stelle protestò vivacemente, questa volta neanche una interrogazione». Come dire: visto che i rifiuti saranno inviati da Virginia Raggi, sindaca grillina di Roma, il Movimento 5 Stelle toscano sembra pronto a voltarsi dall'altra parte e accettare che gli inceneritori brucino la spazzatura della Capitale.

NODI
Il nodo però è un altro: anche se Roma Capitale, Regione Lazio e Ama sono certi che l'intesa ci sarà, l'assessore Fratoni invita alla prudenza. «Molto semplicemente non ho avuto ancora modo di parlarne con il presidente Enrico Rossi - ricorda - in queste ore stiamo affrontano un allarme rosso per il maltempo, dunque abbiamo problemi più urgenti. Ci sono ancora approfondimenti da fare, perché dopo che i rifiuti indifferenziati romani saranno stati trattati, ciò che verrà prodotto dovrà andare parte in discarica, parte degli inceneritori. Bene, quel tipo di impianti sono già al limite anche da noi, dobbiamo capire se possiamo permetterci di aiutare Roma. Non dico che diremo no, dico che dobbiamo ancora decidere». In sintesi: la spazzatura indifferenziata non può andare nelle discariche senza essere lavorata. Per questo l'Ama è spesso in difficoltà, perché le soluzioni di Roma e Lazio (due tmb di proprietà, altri due di Colari a Malagrotta, altri a Frosinone, Viterbo e Aprilia) se ci sono dei contrattempi, non reggono il peso di tutti i rifiuti indifferenziati prodotti (circa 3.000 tonnellate al giorno). Per questo, ora che è scaduto l'accordo con Enki per l'Austria, Virginia Raggi ha scritto una lettera alla Regione Lazio perché concluda accordi con Toscana e Abruzzo. Per la Toscana, in particolare, il contratto che Ama vuole siglare con alcune società pubbliche della regione confinante, prevede lo smaltimento di 20mila tonnellate per sei mesi. Il costo dell'operazione non è ancora noto. Per quanto riguarda l'Abruzzo, la delibera nella giunta regionale dovrebbe essere discussa domani. Resta però una certezza: se non si trovano alternative, le prossime festività natalizie potrebbero vedere un peggioramento della situazione che già è critica, sia pure a macchia di leopardo.
  Ultimo aggiornamento: 16:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Under 15, l’approccio in disco benedetto dal like dell’amica

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma