Roma, raid Casamonica nel bar: Comune parte civile contro il clan

Giovedì 11 Ottobre 2018

I fatti risalgono al 1 aprile 2018 in un bar della Romanina dove, in via Barzilai a Roma, Antonio Casamonica e suo cugino Alfredo Di Silvio, personaggi legati all'omonimo clan, hanno aggredito una ragazza portatrice di handicap e un cittadino romeno di 39 anni, quest'ultimo proprietario dell'esercizio commerciale. 
Oggi il Comune di Roma e l'Associazione Libera sono state ammesse come parte civile nel processo a carico di Antonio Casamonica, accusato di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso.

LEGGI ANCHE Roma, raid Casamonica in bar, Di Silvio: «Ero ubriaco e drogato»
 

Il procedimento si è aperto oggi davanti ai giudici della sesta sezione penale. Come parte lesa si erano già costituite Regione Lazio, Confcommercio Roma, Associazione Caponnetto e il titolare del bar Marian Roman. Gli altri imputati Alfredo, Vincenzo ed Enrico Di Silvio, hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato e per loro l'udienza è fissata davanti al gup per il 15 ottobre. L'aggressione è avvenuta al Roxy Bar, un caffè in zona Romanina a Roma, ai danni del titolare e di una giovane disabile.
 

 

 

Ultimo aggiornamento: 10:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA