ATAC

Primo maggio, Atac revoca le ferie ai macchinisti per coprire i turni

Giovedì 30 Aprile 2015 di Lorenzo De Cicco
13

Festività revocata per garantire le corse della metro A del 1 maggio. Il capo dei macchinisti della prima linea ieri ha richiamato in servizio tutti i conducenti che avevano chiesto il riposo durante la festa dei lavoratori. Una scelta obbligata, dato che per il turno di chiusura (tra le 21.30 e l'1.30), nessun autista si era dichiarato disponibile a lavorare volontariamente.

Ecco allora la contromossa dell'azienda per evitare che la tratta Anagnina-Battistini vada in tilt proprio durante il deflusso del Concertone. In piazza San Giovanni si attendono oltre 500mila persone (l'anno scorso furono 700mila, secondo gli organizzatori), la metro A quindi deve funzionare a pieno regime per evitare che la viabilità del centro storico vada in ginocchio. Anche perché autobus e tram domani offriranno un servizio ridotto, garantendo corse regolari solo dalle ore 8.30 alle ore 13.30 e dalle ore 16.30 alle ore 21. Insomma, tutta la pressione è sulla prima linea, che proprio a San Giovanni ha una fermata chiave.

LE MODIFICHE

Anche per questo l'Agenzia per la Mobilità, la settimana scorsa, ha deciso di ripristinare la chiusura all'1.30, nonostante i lavori di manutenzione che, fino ad agosto, faranno terminare le corse della A alle 21.30, fatta eccezione per il sabato sera.

L'assenza di volontari per il turno straordinario però ha rischiato di vanificare la pianificazione aziendale.

Dopo i disagi dello sciopero dello scorso 17 aprile - con le corse fermate in anticipo rispetto all'orario dell'agitazione e i treni evacuati a metà percorso - l'azienda non poteva rischiare un'altra giornata di caos. Ecco perché ieri è arrivata la contromossa: solo 2 dei 150 macchinisti della linea A, sono rimasti in ferie, dato che il periodo di vacanze per loro era già iniziato da diversi giorni. Tutti gli altri invece sono stati richiamati e incardinati nei nuovi turni, in modo da assicurare le corse dei treni fino all'1.30 di notte ed evitare disagi durante l'esodo dal Concertone.

I macchinisti “precettati“ non perderanno la festività non fruita. Potranno decidere se recuperarla, come giorno di congedo, nei prossimi mesi, oppure potranno mettersi in tasca un bonus pari a 9 ore di straordinario (circa 150 euro). L'accordo sul compenso è stato raggiunto martedì, ma è stato sottoscritto solo da due sindacati, Cigl e Cisl. Restano fuori tutte le altre sigle, a partire da quelle che, con lo sciopero di due settimane fa, hanno fatto chiudere la Metro A.

VISITE FISCALI

Per evitare che i dipendenti richiamati si mettano in malattia, l'azienda insieme all'Assessorato ai Trasporti ha già pre-allertato l'ufficio che si occupa delle visite fiscali. Insomma: chi si darà malato farà bene a esserlo davvero, altrimenti rischia una sanzione disciplinare. Sembra quindi scongiurato, seppur in extremiis, lo spettro di una riedizione dei disagi che si erano verificati durante la notte di Capodanno, quando nonostante i 250 euro di incentivo, solo 7 macchinisti sui 24 previsti andarono a lavorare, mettendo il rallentatore alle corse della metro A dalle 23.30 alle 2.30, proprio a ridosso del cownt-down della mezzanotte, con 600mila romani e turisti in giro per la città.

LE CORSE

Durante la festa dei lavoratori, resteranno aperte con un'orario speciale anche le metro B e B1, con le corse in programma dalle ore 5.30 all'1.30. Regolare, fino alle 23.30, il servizio sulla linea C su tutte le stazioni da Pantano a Centocelle.

Ultimo aggiornamento: 16:03

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma