ROMA

Priebke, anche la città natale rifiuta il boia
Vicariato: «No rito pubblico». Ipotesi Viterbo

Luned├Č 14 Ottobre 2013

E' polemica sulla sepoltura dell'ex capitano delle Ss Erich Priebke morto venerdý scorso all'etÓ di 100 anni. E mentre fa discutere il ┬źno┬╗ del sindaco Marino a una sepoltura a Roma, il Vicariato fa sapere che il legale del boia delle Fosse Ardeatine ha rifiutato le esequie religiose in forma privata.

Il Vicariato. ┬źIn merito alla celebrazione dei funerali di Priebke - afferma il Vicariato - ├Ę necessario precisare quanto segue. La richiesta ├Ę stata presentata al parroco non dai familiari del defunto, ma da una signora a nome dell'avvocato del signor Priebke, nella mattina di sabato 12 ottobre. L'autorit├á ecclesiastica, considerate tutte le circostanze del caso, ha ritenuto che la preghiera per il defunto e il suo affidamento alla misericordia di Dio - finalit├á proprie della celebrazione delle esequie religiose - dovessero avvenire in strettamente privata, cio├Ę nella casa che ospitava le spoglie del defunto. Pertanto, nel rispetto della legge della Chiesa, non ├Ę stata negata la preghiera per il defunto, ma ├Ę stata decisa una modalit├á diversa da quella abituale, riservata e discreta. La proposta ├Ę stata rifiutata dall'avvocato del signor Priebke. Pertanto, nel rispetto della normativa canonica, tutti i ministri cattolici, nella diocesi di Roma, si atterranno alle disposizioni stabilite dall'Ordinario┬╗.

Il no di Pomezia. Intanto arriva un ┬źsecco No del Sindaco di Pomezia Fabio Fucci all'ipotesi paventata nelle scorse ore della tumulazione dell'ex generale nazista nel cimitero militare tedesco pometino┬╗. ├ł quanto si legge in un comunicato. ┬źSono meravigliato - dichiara il Primo Cittadino - dall'eco giornalistica che ha avuto la proposta del sig. Shindler che, a mio parere, non ├Ę meritevole di alcuna attenzione. Sono fermamente contrario all'ipotesi paventata che, ad oggi, non ha alcun fondamento di ufficialit├á. Ho gi├á contattato il referente del cimitero militare tedesco per avere informazioni in merito e, da quello che mi risulta, una tumulazione a Pomezia non sarebbe tecnicamente realizzabile, dal momento che il cimitero tedesco ospita solo militari caduti in guerra. I crimini del regime nazista - conclude Fucci - sono un segno indelebile della nostra Storia, e chi li ha commessi deve essere giudicato e poi cancellato dalla memoria collettiva. Pomezia non accoglier├á mai uno di loro┬╗.

Il no di Hennigsdord. Non c'├Ę posto per la salma di Priebke a Hennigsdord, la cittadina pochi chilometri a nord di Berlino che ha dato i natali all'ex capitano delle Ss. L'amministrazione comunale ha fatto sapere all'agenzia Dpa che il regolamento cimiteriale prevede la sepoltura solo per i residenti, oppure in presenza di una tomba di famiglia.

Pacifici. ┬źConfidiamo nell'attivit├á delle forze dell'ordine che hanno vietato funerali pubblici, per non far trasformare tutto in una ghiotta occasione per i nostalgici e i 'nipotini' di Hitler di fare un'adunata contro le leggi dello Stato┬╗, ribadisce a Perugia Riccardo Pacifici, presidente della comunit├á ebraica di Roma.

Il legale di Priebke. ┬źUna grossa fetta del popolo italiano ├Ę sconcertata che i diritti religiosi, sanciti nella nostra Costituzione e che una mente umana non diabolica riconosce, vogliano essere negati a una persona defunta. Lo sdegno del popolo italiano, della gente vera, sincera, ├Ę profondo, anche nei confronti della Chiesa che sta dimostrando la sua vilt├á┬╗, commenta l'avvocato Paolo Giachini, legale di Erich Priebke, ai microfoni di ┬źTutta la citt├á ne parla┬╗, su Radio3Rai. ┬źIl diritto canonico parla di peccatori manifesti, Priebke veniva regolarmente confessato, ├Ę stato assolto dal clero, lo accettavano in Chiesa fino a pochi mesi fa, adesso non possono tirarsi indietro. Dico solo che lo hanno voluto a Roma per giudicarlo e condannarlo e ora se ne vogliono liberare┬╗. ┬źLe esequie potrebbero essere celebrate in una chiesa protestante che magari accetta il rito cattolico, oppure fuori Roma o a Viterbo, in luoghi che non devono sottostare all'ordinario di Roma┬╗, aggiunge. ┬źNon vogliamo dare adito a speculazioni, per questo non vogliamo celebrare il funerale di Priebke mercoled├Č prossimo (giorno in cui ricorre il 70esimo anniversario della deportazione nel ghetto di Roma, ndr), sottolinea inoltre Giachini.

Quagliarello. ┬źCredo che il diritto cristiano a una sepoltura dignitosa vada preservata per tutti┬╗, ha detto a Mix24 su Radio 24, Gaetano Quagliariello, ministro per le Riforme Costituzionali. Quanto al divieto del Vaticano a celebrare funerali all'ex ufficiale SS, Quagliariello dice: ┬źMa questa ├Ę un problema di convenienza. La cosa importante ├Ę tenere la vita e la morte, fino a che possibile, fuori dalla vita polemiche pubbliche┬╗.

Belviso. ┬źPriebke ha diritto di essere sepolto a Roma, perch├ę ├Ę morto a Roma ed era residente a Roma┬╗, interviene Sveva Belviso, capogruppo capitolino Pdl, interpellata durante la trasmissione Agor├á su Rai Tre. ┬ź├ł una questione delicata e questo ha portato il sindaco Marino a prendere una posizione, anche condivisibile, e a dire 'Roma non vuole che sia sepolto qu├Č. Ma questa sar├á un'altra delle cose su cui dovr├á tornare indietro, perch├ę un sindaco deve fare i conti con le norme┬╗.

Cacciari. ┬ź├ł assurdo che il sindaco gli rifiuti una sepoltura┬╗, dice anche Massimo Cacciari, gi├á sindaco di Venezia, in una intervista a Il Messaggero, in merito alla sepoltura d Erich Priebke. ┬ź├ł un dibattito macabro e perfino grottesco che si arrivi a discutere se seppellire o meno una persona┬╗, afferma. ┬źSiamo di fronte alla morte di un vecchio. Lo si seppellisca┬╗, rimarca, spiegando che ┬źqui non ├Ę in discussione il pentimento e tantomeno il perdono. Priebke ├Ę morto, che Dio ne abbia misericordia┬╗.

Ultimo aggiornamento: 19:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

´╗┐Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma