Premio Simpatia 2016, per la categoria giornalismo il riconoscimento al direttore del Messaggero Virman Cusenza

Lunedì 23 Maggio 2016
Consegnati in Campidoglio i riconoscimenti per il "Premio Simpatia 2016". Tra i premiati, per la categoria giornalismo e letteratura Virman Cusenza, direttore del Messaggero, e gli scrittori Niccolò Ammaniti e Marco Onofrio, mentre per il cinema il premio è andato al regista Paolo Genovese per il film "Perfetti sconosciuti". L'evento, presentato da Pino Strabioli e Gaia De Laurentis, ha consegnato riconoscimenti per il cinema anche alle Forze dell'Ordine e all'ambasciatore della Repubblica di Corea, Lee Yong-Joon. Per la medicina, ricerca e università, la ricercatrice Elena Cattaneo, l'endocrinologa Maria Pia Genderini e il meteorologo Giancarlo Bonelli. Per lo spettacolo, teatro e cinema, premi a Virginia Raffaele, Asia Argento, Chiara Francini, Giulia Bevilacqua e Ninetto Davoli. Per la regia, oltre a Genovese, anche David Grieco che ha diretto "La macchinazione", interpretato da Massimo Ranieri, sugli ultimi mesi di Pier Paolo Pasolini. Per la musica, Federico Zampaglione, reduce dal successo del singolo "Piccoli miracoli".

Per le storie premio a Piero Terracina, sopravvissuto alla Shoah, a Alberto Solesin e Luciana Milani, genitori di Valeria Solesin, tra le vittime del Bataclan, per il messaggio di grande dignità che hanno saputo comunicare e a Suor Cecilia Montesano, direttrice della casa di riposo Istituto Suore Discepole di Gesù per l'amore e l'impegno nell'assistere gli anziani. Per l'arte al giovane Andrea Gandini, scultore di strada di tronchi recisi. Per il management Luigi Abete, presidente Bnl, e Paolo Fioroni, amministratore delegato di Acea Illuminazione Pubblica Spa. Per la solidarietà e il volontariato premi a Icbie Europa Onlus Brasile-Italia, per l'impegno negli scambi culturali e l'integrazione tra i popoli, a Retake Roma Onlus, che si occupa di decoro urbano ed educazione civica e all'Associazione "We love Simone Di Più Di Più Di Più", impegnata in molteplici attività per i giovani, in memoria di Simone Costa. Per lo sport il maestro Shi Yan Hui, dell'Associazione Shaolin Quan Fa, che collabora con l'Ospedale S.Lucia con progetti per la riabilitazione e a Carlo Sacchi, tedoforo delle Olimpiadi del 1960.
Ultimo aggiornamento: 24 Maggio, 08:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti