Tenta di rapire neonato davanti alla madre: confermato l'arresto della donna

Mercoledì 13 Novembre 2013

» stato convalidato l'arresto della ragazza accusata di aver tentato di rapire un neonato alla stazione Ponte Mammolo.

Lunedì scorso, come riportato oggi dal Messaggero, i carabinieri della compagnia di Montesacro avevano arrestato una donna di 25 anni con l'accusa di tentato sequestro di persona. La ragazza, proveniente da un campo rom di Napoli, si era avvicinata a una madre che stava cambiando il proprio bimbo, un neonato di 8 mesi, nella sala d'aspetto della stazione della metropolitana di Ponte Mammolo, e in un momento di distrazione della donna aveva afferrato il bimbo per una gamba, desistendo solo a causa della reazione della madre del piccolo che si è messa ad urlare.

Nel frattempo alcune ragazze che si trovavano all'interno della stazione, sentendo le urla, avevano attirato l'attenzione di una guardia giurata che era intervenuta bloccando la ragazza in attesa dell'arrivo dei carabinieri ai quali la 25enne è stata consegnata. Portata in caserma, è stata giudicata per direttissima con la convalida degli arresti in attesa del processo. La donna, condotta nel carcere di Rebibbia, è accusata di tentato sequestro di persona.

Non ha motivato il suo gesto di fronte ai carabinieri. La giovane ha riferito ai militari di vivere stabilmente in un campo rom di Napoli e di essere venuta a Roma da sola. La 25enne ora si trova nel carcere di Regina Coeli in attesa di processo. Ieri si trovava alla fermata metro di Ponte Mammolo quando si è avvicinata ad una donna di 36 anni, intenta a cambiare il pannolino al figlio di otto mesi, e ha cercato di strattonare il piccolo tirandolo per una gamba. Dopo le urla della donna alcune guardie giurate e il personale Atac hanno subito seguito la ragazza, che è stata poi bloccata dai carabinieri.

Ultimo aggiornamento: 14 Novembre, 08:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA