Roma, selfie sul ponte di Corso Francia: la folle moda che nessuno ferma

Martedì 26 Giugno 2018 di Veronica Cursi
18

Sono ancora lì. A scattarsi selfie acchiappalike in bilico su un ponte a venticinque, trenta metri da terra. Arrampicati, come nulla fosse, sulla balaustra di Corso Francia perché quella folle moda è diventata ormai un rito per i ragazzini di Roma nord. E nessuno riesce a fermarli.
Più di un anno fa Il Messaggero ha denunciato quel muretto sospeso nel vuoto sul Ponte delle Aquile. Eppure ancora oggi nulla è cambiato: non una ringhiera, non una pattuglia messa lì a vigiliare. Nessun segnale di pericolo. Meno che mai una telecamera. Lo scorso fine settimana l'ennesima coppietta è stata immortalata dal cellulare di un residente, uno dei tanti che da mesi lancia allarmi evidentemente inascoltati.
 

LA DENUNCIA UN ANNO FA: Ragazzi sospesi sul ponte di Corso Francia: l'ultima folle moda dei teenager

Lei seduta sul cornicione, le gambe a penzoloni, lui che si lancia nell'avventura di camminare come un funambolo sopra pochi centimetri di marmo. Guarda giù, saltella, sembra quasi voler testare quanto possa reggere quel ponte. Poi arriva una terza ragazza e scatta una foto col cellulare: l'hashtag #pontedelleaquile rimbalza sulle pagine di Instagram.  Ma qui non ci sono filtri. Qui è tutto pericolosamente reale.

LEGGI ANCHE Corso Francia, coppia di teenager filmata mentre fa sesso sul ponte: il video
 

Quello, per molti giovanissimi dai 14 ai 20 anni, è ancora il loro assurdo ritrovo: una piattaforma sospesa nel nulla, al di là del parapetto. E poco importa se basta un attimo per scivolare giù, una distrazione, un gioco finito male, una foto scattata troppo al limite, loro non ci pensano. Ma non ci pensa nessuno a quanto pare.

Eppure Corso Francia è uno dei ponti più trafficati di Roma nord, collega quartieri interi come Parioli, Fleming, Flaminio e Vigna Clara. Com'è possibile che quasi ogni giorno, da più di un anno, accada questo sotto gli occhi di mezza Roma?  A nulla sono valse le segnalazioni di genitori e residenti che da tempo denunciano a vigili e forze dell'ordine la pericolosità di quel posto. Ogni pomeriggio, oppure nel weekend, decine di adolescenti con le loro minicar si ritrovano lì. E ogni volta è sempre la stessa storia: vigili, carabinieri e polizia arrivano, fanno allontanare i ragazzi,  li identificano e li lasciano andare. 
«Se ci fossero gli estremi di un procurato allarme dovremmo denunciarli. Ma non abbiamo mai trovato gente ubriaca, alcol o droghe», spiegano. E così il giorno dopo nuovi selfie e nuovi pericoli. Quanto ancora dovrà durare?

 

Ultimo aggiornamento: 24 Settembre, 10:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma