Roma, a Trastevere il parcheggiatore abusivo ricatta gli automobilisti davanti ai vigili

Sabato 17 Settembre 2016 di Raffaele Nappi

Un parcheggiatore abusivo sotto la sede della Polizia Municipale. Succede in piazza Mastai, nel cuore di Trastevere. Di fronte, attraversando la strada, si vedono tre auto dei vigili urbani parcheggiate davanti alla caserma della Municipale, comando Primo Gruppo, in viale Trastevere 18. Tutto avverrebbe sotto le finestre degli agenti.

IL FURGONE
Di giorno e di notte, durante la settimana e week end, il parcheggiatore abusivo magrebino è sempre lì, nella piazza che ha dato i natali a Guillaume Apollinaire, poeta e scrittore francese. E al centro dell'area, tra i parcheggi in divieto, è sistemato un vecchio furgone Citroen grigio con targa bulgara: finestrini aperti, coperte all'interno, probabilmente appartiene proprio al parcheggiatore, che lo usa come base.

 

I SENZATETTO
Piazza Mastai è un gioiello: l'area è sovrastata dal palazzo per la Manifattura dei Tabacchi, ordinato da papa Pio IX. Al centro, la prima fontana monumentale costruita nel quartiere di Trastevere, conclusa nel 1865 dall'architetto Andrea Busiri Vici. Nella zona durante il giorno si aggirano clochard che occupano le panchine e le usano per fare pranzo e cena. Ma tutta la zona, specie nel fine settimana, si trasforma in terra di nessuno. Le auto sul lungotevere vengono fatte parcheggiare su marciapiedi e in divieto, con il consenso dei parcheggiatori abusivi, in maggioranza bengalesi, che arrivano in massa per racimolare qualche spicciolo.
In piazza Mastai, una ventina di posti auto, il parcometro è rotto e tutte le auto sono parcheggiate senza alcun contrassegno. Un papà, che accompagna il figlio a scuola, viene redarguito in modo duro solo perché non aveva con sé degli spiccioli: «Sì, la prossima volta. Dicono tutti così», urla il parcheggiatore che nei giorni feriali vuole un'offerta, con molta insistenza, a partire da un euro ma nel fine settimana pretende anche cinque euro per fare sostare le auto.

LE TARIFFE
E non mancano episodi al limite dell'assurdo: l'abusivo, raccontano i residenti, ha chiesto soldi anche agli operai del Comune, giunti per sistemare un angolo della piazza. «Dove avete lasciato l'auto?» ha detto, pretendendo denaro anche da loro. Sembra incredibile ma nella piazza succede pure questo. Da tempo i residenti lamentano disagi legati alla presenza del parcheggiatore abusivo.

LE LAMENTELE
Molte le proteste che sono arrivate anche ai vigli urbani, ma non sarebbe cambiato nulla. In molti, poi, descrivono il parcheggiatore magrebino come «aggressivo e violento». Cerca di continuo soldi e li pretende anche quando non si ha monete nel portafoglio. «Per fortuna non ho la macchina, ma in quella zona ci passo tutti i giorni per andare a lavoro racconta Giorgio Eri, 42 anni, commerciante Il parcheggiatore è sempre lì, non manca un giorno. Ho chiamato più volte la Polizia Municipale di Trastevere, ma non è mai cambiato nulla». «All'estero non ho mai visto un parcheggiatore abusivo, né sotto una sede dei vigili urbani, è assurdo - protesta Alessio Moroni, 39 anni, impiegato della pubblica amministrazione - Queste sono persone cattive e senza scrupoli: sanno di rimanere impuniti».
 

Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 09:48

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’incubo di vivere per 34 ore sulla barella al pronto soccorso

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma