Ostia, ore contate per i complici
di Igliozzi, il bandito ucciso in banca

Sabato 17 Maggio 2014 di Giulio Mancini

Ha le ore contate la coppia di banditi che venerdž mattina era insieme con il pregiudicato 35enne freddato dagli spari della guardia giurata nel corso della rapina messa a segno al Monte dei Paschi di Siena di via Alessandro Piola Caselli. Gli investigatori sono riusciti ad arrivare a loro grazie ai rilievi della scientifica. Hanno commesso un errore fondamentale per chi ha un passato criminale di tutto rispetto: tutti i banditi hanno operato senza guanti, lasciando impronte digitali a profuzione.

E' grazie ai rilievi della polizia scientifica che gli investigatori da venerdì sera sono sulle tracce dei due scappati a bordo di una Fiat Punto non ancora individuata. Si tratta di romani con precedenti penali importanti che si sono resi irreperibili.

I tecnici della scientifica, intanto, hanno concluso i rilievi anche sul resto dei reperti: sul posto sono stati recuperati sei bossoli calibro 9x21, presumibilmente esplosi dall'arma in dotazione alla guardia giurata, e quattro proiettili non esplosi, tutti calibro 7,65, dei quali tre davanti all'ingresso della banca e uno di fianco al corpo di Gianluca Igliozzi. Il rapinatore ferito, morto al suo arrivo al Grassi, aveva nella tasca del giubbotto un'automatica 7,65. Ad una prima ricognizione del medico legale risulterebbe sia stato attinto da un solo colpo che lo ha raggiunto al fianco destro.

La pioggia di spari ha raggiunto con due proiettili la facciata del palazzo di fronte all'istituto di credito, sopra e sotto il balcone del primo piano, e tre auto in sosta sulla strada. Tra quelel colpite anche la vettura del vigilante.

Ultimo aggiornamento: 13:31

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi