ROMA

Uccide la moglie a Roma: «L'ho soffocata perché non potevo più vederla soffrire»

Venerdì 28 Settembre 2018
4
Uccide la moglie a Roma: «L'ho soffocata perché non potevo più vederla soffrire»

Stanco di vedere la moglie star male, forse ha pensato che farla finita fosse la cosa migliore per entrambi. Ci sarebbe una storia di esasperazione e solitudine dietro la morte di Paola Adiutori, la 66enne trovata senza vita ieri sul letto della sua abitazione a Roma con accanto il marito che minacciava il suicidio puntandosi un coltello da cucina alla gola. Valter Pancianeschi è stato fermato nella notte dai carabinieri con l'accusa di omicidio aggravato e portato nel carcere di Regina Coeli. 

LEGGI ANCHE Loredana, uccisa dall'ex fidanzato 19enne della figlia: «Non sopportava di essere stato lasciato»
 

 

Durante l'interrogatorio in caserma davanti al pm, l'uomo ha confermato di aver ucciso la donna. Per gli investigatori il movente sarebbe riconducibile all'esasperazione per una forte depressione che la moglie sembra avesse da tempo e che spesso l'avrebbe portata ad accusare malori. Nell'appartamento di via Albalonga nel quartiere San Giovanni dove viveva la coppia, che non aveva figli, gli investigatori hanno trovato un biglietto di addio. «Scusate, dovevo farlo. Non volevo vederla più soffrire», avrebbe scritto l'uomo. Ed è stato proprio Valter Pancianeschi ieri sera, poco prima delle 19, a contattare il numero di emergenza 112 facendo scattare l'allarme. «Ho ammazzato mia moglie, ora mi uccido», avrebbe detto a chi era dall'altra parte della cornetta. Immediatamente sono stati allertati i carabinieri che si sono recati nel palazzo.

Al loro arrivo, però, nessuno apriva così per entrare in casa è stato necessario sfondare la porta. Entrati nell'appartamento i carabinieri della compagnia Piazza Dante e Nucleo Radiomobile hanno trovato il corpo di Paola Adiutori sul letto e accanto il marito con un coltello da cucina puntato alla gola. Attimi drammatici tra urla e lacrime. I carabinieri lo hanno tranquillizzato e disarmato in un momento di distrazione, scongiurando il suicidio. L'uomo avrebbe detto di aver soffocato la moglie, di averlo fatto perché da tempo aveva una forte depressione ed era stanco di vederla soffrire. Da una prima ispezione esterna del corpo il medico legale non ha riscontrato segni evidenti di lesioni o di strangolamento. Sarà l'autopsia a stabilire le cause esatte del decesso.

Ultimo aggiornamento: 30 Settembre, 09:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma