Olgiata, agguato in villa
stile Arancia meccanica
per la “regina dei night”

Da sinistra Beatrice Iannozzi, Rossano Rubicondi e Ivana Trump
di Alessia Marani
Terrore nella villa della regina delle notti romane, Beatrice Iannozzi, amica dei vip e proprietaria del leggendario Jackie O’, il locale a due passi da via Veneto frequentato dal jetset di mezzo mondo. Il blitz dei banditi armati e incappucciati è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato scorsi all’interno dell’esclusivo quartiere dell’Olgiata, a Nord della Capitale, un comprensorio chiuso e con tanto di guardiania privata e sbarre all’ingresso. Che però non sono bastate a scoraggiare gli...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 31 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 01-06-2018 10:17

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-05-31 09:51:31
Questi sono ladri specializzati che hanno capito che i furti nelle ville sono più remunerativi rispetto a quelli nelle case degli anziani con pensione al minimo sindacale.
2018-05-31 08:02:52
Qui ormai non si salva più nessuno
2018-05-31 02:57:15
I soliti VIP. Ma VIP di che cosa? Non moriranno di fame per il furto subito. Hanno più problemi i normali cittadini se viene loro rubato il portafogli con 50-100 Euri e i documenti, mentre sono sulla metro o in autobus, per andare e tornare dal lavoro.
2018-05-31 12:05:22
Non sono d'accordo. Il furto a prescindere è un atto criminale grave e non esistono derubati di serie a e di serie b. Per questo motivo chi viene beccato a rubare, rapinare dovrebbe essere punito in modo certo e pesante e chi viene derubato deve potersi difendere, senza paura di passare dalla parte del torto come invece oggi accade...
2018-05-31 15:49:06
Io ho detto che le persone normali hanno problemi per un furto, anche se di lieve entità. Non ho scritto che i ladri devono passarla liscia. Al contrario, io considero più grave l' azione di un ladro che quella di un omicida. (Montanelli la pensava allo stesso modo). Per arrivare al' omicidio ci sono dietro molte gravissime cause: la pazzie, la perdita totale di controllo, la vendetta, la difesa e la auto difesa personale, ragioni estreme di sicurezza, la guerra (che costringe a uccidere, pur non volendolo). Ma il furto non ha ragioni gravi, è solo una grande vigliaccata verso chiunque non ha modo di difendersi e, spesso, non è ne ricco ne benestante. Per un omicida (flagrante o reo confesso almeno 20 anni, per un ladro vigliacco non meno di 30 anni di carcere.
5
  • 319
QUICKMAP