Roma, allarme Tbc alla materna: profilassi per sessanta bambini

Roma, allarme Tbc alla materna: profilassi per sessanta bambini
di Ivo Iannozzi
2 Minuti di Lettura
Domenica 28 Dicembre 2014, 05:48 - Ultimo aggiornamento: 12:45

Vacanze di Natale e fine anno con l'incubo della tubercolosi per le famiglie dei sessanta alunni della scuola materna del quartiere Tre Cancelli alla periferia di Nettuno. Il Distretto sanitario Anzio-Nettuno della Asl Roma/H ha infatti confermato un sospetto caso di tubercolosi alla materna. Per questo motivo lunedì prossimo i sessanta alunni saranno sottoposti a una serie di esami e controlli - radiografie al torace ed esame della tubercolina - presso il Poliambulatorio dell'ospedale Villa Albani ad Anzio.

LA PROCEDURA E' la procedura richiesta dalla profilassi dopo i sintomi della tubercolosi - febbre alta e tosse - riscontrati prima dell'inizio delle vacanze in un alunno della materna che all'inizio della settimana è stato ricoverato in via precauzionale all'ospedale romano Bambino Gesù. «Nel caso che riguarda l'alunno, abbiamo avviato la profilassi che si richiede anche quando c'è il sospetto della presenza della tubercolosi - spiegano dalla Asl Roma/H -. Dopo aver informato i genitori della situazione, abbiamo convocato per lunedì prossimo a Villa Albani i sessanta alunni della sezione materna, quelli che in qualche modo possono essere stati a contatto con il compagno di classe. Divisi in gruppi da quindici saranno quindi sottoposti agli esami previsti per accertare se abbiano gli anticorpi della tubercolosi che, in prospettiva, li mettono a rischio. Gli esami saranno eseguiti per tutta la giornata. Per evitare allarmismi, vogliamo comunque precisare che l'eventuale positività al test della tubercolina non significa che il bambino sia malato».

I RISCHI Dal Distretto sanitario precisano infatti che i bambini che dovessero risultare positivi al test, ma che non hanno sviluppato la malattia, non possono trasmettere la tubercolosi agli altri e quindi non sono contagiosi. La profilassi interesserà solo gli alunni della materna che possono essere stati a contatto diretto, stretto e prolungato con il compagno di classe ricoverato al Bambino Gesù. «I bambini che la prossima settimana non potranno venire al poliambulatorio di Villa Albani - spiegano i medici del distretto sanitario - potranno sottoporsi agli accertamenti anche dopo le vacanze; in proposito abbiamo avvertito e tranquillizzato tutti i genitori». Tra due mesi tutti gli alunni della materna di Tre Cancelli saranno di nuovo sottoposti agli esami di controllo.