Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, movida stupefacente: i carabinieri arrestano 32 pusher

Roma, movida stupefacente: i carabinieri arrestano 32 pusher
1 Minuto di Lettura
Domenica 1 Ottobre 2017, 12:39

Ancora droga nella movida romana. I continui e mirati controlli dei carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno portato all’arresto di 32 persone e al sequestro di oltre 1 chilo di droga e circa 10.000 euro in contanti. In manette sono finiti 10 cittadini italiani, nove romani e un palermitano, e 22 cittadini stranieri, un iracheno, un brasiliano, un albanese, un cittadino del Bangladesh e diciotto provenienti dal continente africano, di età compresa tra i 19 e i 55 anni, quasi tutti già noti negli ambienti degli stupefacenti.

Nel corso dell’operazione, i carabinieri hanno sequestrato oltre un migliaio di dosi tra cocaina, eroina, marijuana, hashish e yaba, pronte ad invadere le strade dei quartieri e delle zone maggiormente interessati alla movida: Trastevere, Ostiense, Termini, San Lorenzo, Marconi, Ponte Sisto, Colle Oppio, Eur, Prenestina, San Basilio e Piazza Vittorio Emanuele II. I pusher sono stati colti in flagranza mentre cedevano la droga a giovani e tossicodipendenti, tutti identificati e segnalati all’Ufficio Territoriale del Governo, quali assuntori.

In particolare, a casa di uno degli arrestati, un 26enne romano residente in via Casali del Drago, zona Tor Sapienza, i carabinieri hanno rinvenuto anche 3 piante di marijuana alte circa 150 cm, materiale per coltivazione e per la successiva lavorazione della sostanza stupefacente. Degli arrestati, tutti con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, sei sono stati sottoposti agli arresti domiciliari mentre gli altri sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA