Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morta carbonizzata a Roma, il corpo di Sara trovato ancora in fiamme dalla madre

Morta carbonizzata a Roma, il corpo di Sara trovato ancora in fiamme dalla madre
2 Minuti di Lettura
Domenica 29 Maggio 2016, 18:34 - Ultimo aggiornamento: 19:11

Uno strazio che il destino non le ha risparmiato nella notte che nessuna madre vorrebbe mai affrontare. Tina sentiva, sapeva, intuiva che non doveva avvicinarsi a quel secondo rogo a pochi metri dall'auto in fiamme. Le è bastata un'occhiata, sia pure nel buio di quel tratto di via della Magliana, per cancellare anche l'ultima speranza a cui aggrapparsi: quei poveri resti erano proprio di Sara, forse allontanatasi dell'auto nel tentativo disperato di sfuggire alle fiamme appiccate dall'assassino.  

E' stata la madre Tina a trovare il corpo di Sara Di Pietrantonio, la 22enne romana trovata morta carbonizzata stanotte alla periferia della Capitale.​
 

 

Sono state le zie della studentessa a raccontare alle forze dell'ordine la terribile scoperta della madre che si era fatta accompagnare nella zona da un parente. Prima è stata rintracciata la vettura dell'universitaria: era avvolta dalle fiamme ma nell'abitacolo, da quel che si intravedeva, non c'era nessuno. Non c'è stato tuttavia tempo per alimentare alcuna speranza perché subito l'attenzione dei due è stata attirata da altre fiamme a circa 500 metri. Solo pochi passi col cuore paralizzato, il parente che invitava la madre di sara a non avvicinarsi e la scoperta che ha chiuso il primo capitolo di questo orrore. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA