Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Montesacro, recuperato un arsenale, bandito cerca di sparare contro i poliziotti

Montesacro, recuperato un arsenale, bandito cerca di sparare contro i poliziotti
di Marco De Risi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Novembre 2015, 19:16 - Ultimo aggiornamento: 19:14

Un arsenale recuperato dalla polizia e due giovani romani finiti in manette. Uno di loro, al momento del fermo, ha messo la mano dentro il borsone che conteneva alcune pistole due delle quali con il colpo in canna come per sparare contro gli investigatori.

Sono stati bravi i poliziotti a neutralizzare subito i sospettati.

E’ accaduto l’altra notte al Tufello, a Montesacro, in uno stabile popolare dove poco distante abitano i due giovani romani, entrambi 21enni, finiti in manette con l’accusa pesantissima di detenzione di armi clandestine. Ad occuparsi del caso sono stati gli agenti del commissariato Fidene. Sono stati loro durante i controlli del territorio ad insospettirsi alla vista dei due giovani uno dei quali già fermato dalla polizia per spaccio di droga. I due erano in un’auto e, a notte fonda, sono entrati in modo furtivo nel grande androne di uno stabile e hanno puntato al sotterraneo. Gli agenti li hanno pedinati al buio e si sono accorti che un malvivente stava recuperando qualcosa da un foro nel cemento. A quel punto è scattato il blitz che poteva costare caro agli agenti. Infatti, uno dei malviventi, non si è arreso e ha infilato la la mano nel borsone cercando di afferrare una pistola. Sono state sequestrate quattro pistole: due calibro 9 e altre due calibro 7.65. Recuperato il giubbotto antiproiettile. Sono in corso indagini per stabilire l’uso delle armi, dove sono state recuperate.