Cede scala mobile in metro a Roma: in un documento del 2015 la richiesta (inascoltata) al Comune

Mercoledì 24 Ottobre 2018 di Lorenzo De Cicco

Una frenata, poi il rullo di metallo ha preso a scivolare a velocità folle, trascinando i passeggeri nell'imbuto dei gradini incagliati alla base della scala, taglienti come lame. La sequenza è ricostruita nei video di sorveglianza esaminati ieri sera dagli addetti della stazione metro di Repubblica, subito dopo l'incidente che ha causato decine di feriti nel cuore di Roma e prima che tutto venisse sequestrato dall'autorità giudiziaria. L'inchiesta interna subito avviata dalla partecipata dei trasporti, stando ai primi riscontri, tenderebbe ad escludere che i tifosi russi in trasferta nella Capitale abbiano avuto un ruolo decisivo nell'incidente.

LEGGI ANCHE Incidente metro Roma, capo vigili del fuoco: "Le cause? E' una cosa strana"

LEGGI ANCHE Roma, i testimoni: «I russi saltavano sulla scala mobile poi crollata». I tifosi del Cska: «Non è vero»
 

Anche se si fossero messi a saltare, come hanno raccontato alcuni testimoni (altri invece hanno smentito questa ricostruzione), l'impianto avrebbe comunque dovuto reggere. Invece il sistema che fa mulinare le lastre di metallo, a quanto pare, non ha funzionato. Le scale, da quanto si vede nei filmati, hanno prima rallentato bruscamente per poi accelerare d'improvviso, schiacciando i passeggeri giù nel tappo che nel frattempo si era creato per via dei gradini affastellati e distrutti. C'è chi ipotizza che possa essersi staccato il gancio di uno scalino, ma solo l'inchiesta della Procura, che indaga per lesioni gravissime e valuta l'attentato alla sicurezza dei trasporti, aiuterà a ricostruire l'accaduto. «Sono gli inquirenti che stabiliranno le cause», ha detto ieri la sindaca Virginia Raggi, appena arrivata all'imbocco della stazione. «C'è stata un'anomalia che ha provocato un cedimento della scala mobile, ma sulle modalità ancora non possiamo dire nulla. È stato un incidente strano», ha commentato il comandante dei vigili del fuoco di Roma, Giampietro Boscaino.
 

 

I CANTIERI FERMI
C'è un particolare inquietante: la scala che ha ceduto ieri aveva meno di 10 anni ed era quindi molto lontana dal fine-vita, oltre i 30 anni. Certo la manutenzione, in questi casi, gioca un ruolo decisivo. Da anni si parla dei lavori sulle scale mobili delle prime due linee del metrò romano. Già nel 2015, come attesta un documento di cui Il Messaggero è in possesso, la municipalizzata chiese al Campidoglio di finanziare diversi interventi di «manutenzione straordinaria degli impianti delle linee A e B della metropolitana». Una richiesta reiterata nel 2016 dall'ex direttore generale della società, Marco Rettighieri, dimessosi poco dopo l'insediamento della giunta Raggi anche perché la nuova amministrazione, denunciò il manager, aveva congelato il finanziamento dei cantieri.
In un'altra relazione interna di Atac, redatta nel 2016, si parlava del «debito manutentivo» che si è «accumulato» nel corso degli anni, con la richiesta al Comune di «intervenire con la massima urgenza», «dando la priorità alle revisioni dei componenti e delle apparecchiature connessi alla sicurezza». Ma da allora pochissimo è stato fatto. Perlopiù lavori ordinari e qualche intervento strutturale, solo sugli impianti più obsoleti, come a piazza di Spagna.
I lavori di manutenzione straordinaria su tutte le scale mobili, che spettano al Campidoglio, partiranno l'anno prossimo, il 2019. Il programma di interventi è stato sbloccato dal presidente e ad dell'Atac, Paolo Simioni, arrivato al timone della società un anno fa, nel pieno della burrasca finanziaria, con la municipalizzata romana a un passo dalla bancarotta, schiacciata da un debito miliardario. La prima emergenza, logicamente, è stata quella: mettere l'azienda al riparo dal tracollo dei conti, operazione riuscita col via libera del Tribunale al concordato. Ora però tocca correre per recuperare quel «gap manutentivo» denunciato ormai tre anni fa. In giunta, a giorni, dovrebbe essere approvata una delibera con 18 milioni di euro di fondi per gli ascensori e le scale mobili.
 

Ultimo aggiornamento: 07:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Mattia 15 anni e un sogno Diventare arbitro di calcio

di Mimmo Ferretti