Roma, James Bond meglio dei vigili urbani: fa sparire i parcheggiatori abusivi

Lunedì 9 Marzo 2015 di Lorenzo De Cicco

Non avevano certo la «licenza di uccidere», ma solo delle pettorine catarifrangenti. Eppure ci sono riusciti. Dopo avere paralizzato il traffico dal Gianicolo al Lungotevere - e da ieri sera tocca alla Nomentana - le riprese del nuovo film di 007 un effetto positivo lo hanno prodotto: laddove i vigili urbani hanno sempre fallito, gli addetti della produzione di James Bond sono usciti vincitori. Sembrava una “mission impossible”, per citare un altro colossal hollywoodiano, invece per scacciare dalle vie della movida trasteverina i parcheggiatori abusivi è bastato un drappello di uomini della sicurezza privati.

LE STRADE

Sabato notte: da Ponte Sisto a Lungotevere Raffaello Sanzio, passando per piazza Trilussa e ponte Garibaldi, nelle strade da sempre ostaggio della sosta tariffata degli illegali, ieri dei posteggiatori non c'era neanche l'ombra. Spariti. Alcuni spazi solitamente destinati all'invasione irregolare delle auto sono stati transennati dalla produzione, altri invece sono rimasti a disposizione dei clienti dei locali della zona. Una cosa è certa: sosta selvaggia ridotta al minimo e niente affari d'oro per il racket, che in queste zone, a ridosso di viale Trastevere, arriva a chiedere da 1 a 3 euro per lasciare l'auto parcheggiata, spesso con minacce a chi non ha intenzione di pagare.

Gli effetti positivi finiscono qui. Da ieri notte le riprese di Spectre si sono spostate a via Nomentana.

Chiudere questa strada al traffico è stato addirittura più complicato rispetto al Lungotevere e a Corso Vittorio Emanuele II. A cominciare dal fatto che tanti ristoranti hanno perso la serata, dovendo restare con le serrande abbassate.

L'INSEGUIMENTO

Ieri sera, come da programma, è stata girata l'annunciata scena dell'inseguimento: le ormai famose Aston Martin e Jaguar hanno sfrecciato lungo via Nomentana, chiusa al traffico da Porta Pia a viale Gorizia. Guardie private e polizia locale hanno interdetto al traffico anche via Reggio Emilia dalla Nomentana all'incrocio con via Alessandria, interessando tutte le traverse come viale Pola e via Capodistria, via Zara e via della Fontana, Corso Trieste e viale Regina Margherita. E ancora via Cagliari, via dei Villini, via Malpighi e via Spallanzani, continuando per via Torlonia e via Guattani.

POSTI DI BLOCCO

Dalle 21 fino alle 6 di stamattina, i posti di blocco dei vigili hanno fermato le auto nei vari punti di accesso. Solo ai residenti è stato permesso di transitare a piedi ma soltanto dopo avere ricevuto l'ok dagli uomini della sicurezza che, uno per ciascun numero civico e dotati di ricetrasmittenti, hanno comunicato con il set per capire se la scena era in corso o se c'era il via libera per far passare gli inquilini. Per ogni condominio - a cui è stato chiesto anche di fare spegnere le luci esterne - la produzione pagherà comunque un indennizzo di circa 500 euro. «Abbiamo parlato con gli amministratori dei vari palazzi e concordato con ciascuno di loro una quota di rimborso per le nostre esigenze del set», ha spiegato Roberto Malerba responsabile della Toro Media, la società di produzione locale del film.

Ultimo aggiornamento: 15:21