ROMA

Mafia Capitale, Odevaine: Buzzi mi dava 5.000 euro al mese, gli risolvevo problemi

Mercoledì 1 Febbraio 2017
9
Luca Odevaine

«Ho percepito cinquemila euro al mese da Salvatore Buzzi da fine 2011 al novembre del 2014. Per lui risolvevo i problemi, facilitavo gli interessi di Buzzi. Ho preso soldi anche dalla cooperativa La Cascina». È l'ammissione fatta nel corso dell'udienza del processo a Mafia Capitale, da Luca Odevaine, ex componente del tavolo nazionale sugli immigrati e imputato nel maxiprocesso per corruzione.

Odevaine ha reso oggi il suo lungo interrogatorio nell'aula bunker di Rebibbia, rispondendo alle domande del pm Luca Tescaroli. Ha spiegato di aver percepito il denaro da Buzzi inizialmente in cambio dell'affitto di alcuni appartamenti in zona Celio. Liberati gli appartamenti, utilizzati da Buzzi come uffici per le cooperative, la dazione di denaro non si sarebbe comunque interrotta.

Lo stesso Odevaine, che già ai pm aveva detto di aver svolto un ruolo di «facilitatore» per il «Ras delle coop», ha ribadito al tribunale che «parte del denaro ricevuto era per la consulenza fornita a Buzzi con il ministero dell'Interno». Ambiente, quest'ultimo, del quale l'imputato poteva vantare una buona conoscenza grazie alle sue pregresse esperienze professionali.

«Le richieste di Buzzi erano varie - ha spiegato Odevaine - non mi sono attivato per orientare il flusso di migranti attraverso il tavolo, né avrei avuto alcun potere di farlo. Era un tavolo politico dove non si discuteva di flussi riguardo ai singoli centri».

Su questo ultimo punto, di fronte alle contestazioni mosse dal pm, Odevaine ha specificato di aver avuto solamente la facoltà di segnalare eventuali centri di accoglienza su richiesta del ministero. Per quanto riguarda il denaro ricevuto dai vertici della cooperativa La cascina (vicenda per la quale Odevaine ha già patteggiato due anni e otto mesi di reclusione) l'imputato ha spiegato di essere stato pagato per il suo «lavoro di raccordo con il ministero».

 

Ultimo aggiornamento: 2 Febbraio, 18:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani