Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mafia Capitale, l'ex assessore Ozzimo «al servizio di Buzzi»

Daniele Ozzimo
2 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Giugno 2015, 18:34 - Ultimo aggiornamento: 5 Giugno, 07:57

L'ex assessore delle giunta Marino Daniele Ozzimo, che si era dimesso proprio in seguito alla prima fase dell'inchiesta mondo di mezzo, avrebbe ricevuto dal sistema mafia capitale «una costante erogazione di utilità a contenuto patrimoniale», comprendente un'assunzione e, «nel maggio 2013, l'erogazione di 20.000 euro, formalmente qualificati come contributo elettorale - da parte di Buzzi che agiva in accordo con Carminati». È quanto si legge nell'ordinanza sui 44 arresti per Mafia Capitale firmata dal gip di Roma Flavia Costantini.

Secondo il gip «Ozzimo nella sua qualità prima di consigliere capitolino e vicepresidente della Commissione Politiche Sociali e membro della Commissione Lavori Pubblici, Scuola e Sanità, poi, dal 2013, anche nella sua qualità di assessore al comune di Roma, poneva a servizio di Buzzi la sua funzione».

In particolare, secondo gli inquirenti, l'ex assessore «poneva in essere atti contrari ai doveri del suo ufficio consistenti nel partecipare alle delibere consiliari relative ai riconoscimenti del debito fuori bilancio dal 2012 e nel 2014; nella creazione del consenso politico e istituzionale necessario all'adozione delle delibere per il riconoscimento del debito fuori bilancio; nella proposizione di mozioni in seno al consiglio comunale intese a facilitare la proroga delle convenzioni relative al verde pubblico per le cooperative riconducibili a Buzzi; nella partecipazione alla riunione di giunta del luglio 2014, proteggendo la posizione di Fiscon, il cui ruolo era posto in discussione dal sindaco».

© RIPRODUZIONE RISERVATA