Roma, ucciso dopo un festino, l'ultima lettera della fidanzata: «Non era un cocainomane, ma a volte lo odiavo per le sue bugie»

Roma, ucciso dopo un festino, l'ultima lettera della fidanzata: «Non era un cocainomane, ma a volte lo odiavo per le sue bugie»
6 Minuti di Lettura
Martedì 8 Marzo 2016, 10:10

Questa la lettera che Marta Gaia, la fidanzata di Luca Varani, il 23enne massacrato da due amici dopo un festino di alcol e cocaina, ha lasciato su Facebook. Questo è l'ultimo saluto al suo Luca.

«Solo il tuo sorriso basterebbe per descriverti, ma nessuna parola basterebbe per descrivere ciò che tu eri per me, anzi, sarai per sempre. Voglio parlare di quel Luca, il mio Luca, quello che sorrideva a tutti ma rideva con pochi, il Luca bambino e il Luca adulto, il Luca che nonostante tutto non avrei mai abbandonato. Eravamo così diversi e così simili, bastava uno sguardo per capirci, una parola, un gesto ... No amore mio, non ce la faccio a scrivere tutto quello che penso, ma tu, ovunque sia adesso lo sai benissimo. Vorrei ricordarmi solo cose belle e svegliarmi domani mattina con te che mi guardi dritto negli occhi e mi dici :"è stato solo un brutto incubo, ora abbracciami, sei a casa". "Accoccolati", me lo dicevi sempre, ed io mi facevo abbracciare solo da te, mi sentivo sicura solo tra le tue braccia e mi ricordo che tu mi ripetevi sempre "tranquilla piccola, sei a casa". Più mi sforzo a ricordare le cose nostre e più mi viene da piangere al pensiero che non potrò mai più riviverle. Io non ho parole per quello che ti è successo, non voglio credere a nulla, non ho bisogno di credere a nulla, il nostro amore è la mia più grande conferma e non avevo bisogno di altro.

Voglio scrivere all'infinito perchè avrei così tante cose da dire su di te, mi dispiace che certa gente abbia solo visto un minimo di quello che veramente eri. Quanto sei bello, per me eri e resterai il più bello del mondo. Quel sorriso e quegli occhi meravigliosi, i tuoi baci... Amavo tutto di te, ti adoravo. Non c'era cosa che io volessi cambiare di te. Ed ora? Tutti i nostri progetti? Tutte le nostre cose? Noi? Mi tornano in mente tutte le promesse che ci siamo fatti e al nostro credere al "per sempre", al nostro fare di testa nostra, ma insieme... Abbiamo sempre combattuto per il nostro amore, anche se a volte litigavamo, anche se mi dicevano "non è la persona adatta a te", ti amavo, ti amo Luca. Non mi rimprovero nulla perchè ci sono stata in tutto e per tutto, eri il punto fondamentale della mia vita, ed ora è come se tutto scorresse vicino a me senza senso. Eri l'amico di tutti, il tuo nome lo conoscevano a memoria, chi per un verso, chi per un altro ... Forse non ti hanno conosciuto per i giusti motivi, ma quelle sono state scelte tue e nessuno può giudicarle.

Quanto mi piaceva chiamarti "Disastro", perchè si, eri il mio disastro, eri anche tutto quello che io non ho mai avuto il coraggio di essere, per certe cose avevo la massima stima, invece non riuscivo a non odiarti per le tue bugie. Bello mio, ma quanto sei bello, più guardo le nostre foto e più lo penso. Eravamo la coppia perfetta, eravamo bellissimi insieme. Mi chiedo stupidamente se le leggerai mai queste parole. Vorrei dirti quanto ti amo e tante altre cose. E' stupido lo so ma tu mi chiamavi sempre "semetta"... No, il nostro amore è qualcosa che va oltre tutto, oltre ogni pensiero, oltre ogni limite, oltre ogni distanza. Non me l'hanno portato via in alcun modo, lui sarà sempre insieme a me, nelle mie parole, nelle mie cose, nelle mie ambizioni. Chiedo solo verità e giustizia, per il resto ricordatevelo nel modo più positivo possibile perchè a lui non è mai interessata l'opinione altrui, però non voleva essere di peso a nessuno. Se potessi parlargli anche 5 minuti gli chiederei di raccontarmi quello che è veramente successo, gli direi : "Perchè l'hai fatto?" "Come sono andate le cose?" "Ma perchè?". Io, la tua "comandina", io che ti assillavo sempre di domande a cui non avrò mai alcuna risposta. Vorrei sentire solo la tua voce, sentire che ci sei, sentirmi dire un'altra volta "ti amo mogliettina" o "ti penso pissola" o tutti quei nomignoli che mi davi.

Il tuo ultimo messaggio è stato "A dopo frr mi", io quel "dopo" lo aspetterò tutta la vita, perchè dai, un giorno ci rincontreremo. Guardami dall'alto o da dovunque tu sia, so che mi sei nel cuore e da li non ti toglierà mai nessuno. "Scrivi sempre i poemi", eh si... Lo sai, non ero brava a parole, e poi voglio scrivere scrivere scrivere, come se questo dolore si alleviasse poco poco pochino. Della nostra storia in se per se ci sarebbe tanto da dire, ma questo lo dirò poi. Ora sei libero, libero come un lupo solitario. Ti amo Luca, e non c'è mai una volta che mi sono veramente pentita di avertelo detto o di provare questo sentimento per te. Gioia e disastro della mia vita. Sei stato tante cose per me ma piu' di tutte un Mascottino, e tu sai benissimo cosa significa e ti chiedo scusa se non ho detto tutto quello che c'era da dire per descrivere l'immensità che eri per me, io che a volte rimanevo a guardarti e ti dicevo "Sei bello, ma quel bello che non stanca" e sapevo a memoria tutti i tuoi particolari, a partire dai tuoi folti capelli, allo sguardo più bello che abbia mai visto e di cui mi sono perdutamente innamorata, a quella bocca che sembrava disegnata, a quella bollicina che hai sulla scucchia, alla scucchia in se per se che io adoravo tanto, ai tuoi denti perfetti e bianchi, al tuo collo, le tue spalle, i tuoi polsi, le tue braccia, il tuo odore, il tuo calore, eri perfetto per me e nessuno mai prenderà il tuo posto o comunque nessuno potrà mai eguagliarti in nessun modo, e a nessuno mai permetterò di amarmi con la stessa intensità e nello stesso modo in cui tu hai perfettamente fatto. "Più belle delle stelle esistono solo gli occhi tuoi", te lo ripetevo continuamente e tu mi rispondevi "ti amo occhi belli". Uno dei tuoi gesti più "folli" è stato quello di inciderti la mia iniziale sul tuo braccio quando avevi 14 anni e poi il mio nome addosso a te, così ti starò sempre un pò vicina al cuore patatino mio.

Ah, per la cronaca bastarda e infame : No, non avevamo litigato, anzi la sera prima ci hanno visti tutti insieme d'amore e d'accordo e no, io non sapevo chi fossero questi (descriveteli voi) e non so perchè ci sia andato. Non penso che sia un cocainomane e niente di tutta la merda che gli stanno buttando addosso, la verità vera non la saprà mai nessuno e quindi è inutile sparare sentenze o cose assurde perchè è comodo pararsi dietro falsa testimonianza o dietro dicerie, e comunque sia, io ribadisco che amavo il mio Luca, il Luca che era con me e con nessun altro. Scusami amore, lo so che se fossi qui mi diresti "ma lasciali perdere tanto vogliono solo chiacchierà e lasciali chiacchierà ma sti cazzi", ma io per certe cose sono più testarda di te e quindi, lasciami sfogare. Ho messo al collo la catenina che mi hai regalato per il nostro primo anniversario, la "patacca" ... Questo ciondolo a forma di cuore che per me ha un valore inestimabile, come tutto quello che riguardava te, noi.
Vogliamo dire la nostra frase per intero ed insieme? MARTA GAIA + LUCA UNITI PER SEMPRE CONTRO TUTTO E TUTTI DAL 2O.1O.2OO7 IN POI
Con tutto l'amore e il dolore che posso provare, che tu abbia la pace eterna.
Per sempre tua, Marta Gaia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA