Incendio al San Camillo, il ministro Lorenzin invia gli ispettori

Incendio al San Camillo, il ministro Lorenzin invia gli ispettori
1 Minuto di Lettura
Domenica 1 Maggio 2016, 13:00
I carabinieri del Nas e il direttore generale di Agenas (l'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali) Francesco Bevere, su disposizione del Ministro della salute Beatrice Lorenzin, si trovano al S. Camillo di Roma dove la notte scorsa un incendio ha causato la morte di un paziente e l'evacuazione di due piani dell'Ospedale. L'ispezione, in attesa delle determinazioni dell'inchiesta giudiziaria, deve accertare se al nosocomio siano state rispettate tutte le norme relative alla sicurezza antincendio.

La direzione dell'ospedale. «Secondo i primi accertamenti nella stanza da dove si è sviluppato l'incendio non erano presenti apparecchiature medicali, ne altri materiali. Il letto dove si trovava il malato deceduto, era di tipo manuale, e come di norma con materasso ignifugo». Lo rende noto in un comunicato la Direzione dell'Ospedale San Camillo. «Il padiglione - spiega ancora la direzione sanitaria - come attestato dalla certificazione antincendio, era provvisto di sistemi di protezione antincendio, estintori, impianto di rilevazione fumi, compartimentazione anti fuoco, che hanno impedito il propagarsi del fumo e delle fiamme. Il padiglione è munito di impianti elettrici certificati. Sulla dinamica dei fatti, il paziente ricoverato nella stessa stanza del deceduto ha dichiarato all'azienda di aver visto il fuoco provenire dal lenzuolo, dalla parte bassa del letto, verso piedi».
© RIPRODUZIONE RISERVATA