Roma, la maledizione delle buche: inciampa anche la sindaca

di Simone Canettieri
Un attimo. Il tempo di scendere da un marciapiede dopo la foto di rito ed ecco l'insidia: una buca. Infida e pericolosa. A farne le spese è stata la sindaca Virginia Raggi, che è inciampata finendo incastrata con la scarpa nel cratere, uno dei tanti disseminati per Roma. La scena è avvenuta lontano dagli obiettivi dei fotografi, ma ha mandato in ansia lo staff della grillina. Raggi ha rischiato di cadere, ma poi ha ritrovato - con dolore - l'equilibrio. Uno sforzo testimoniato dalla smorfia che le è comparsa in volto durante questo piccolo fuoriprogramma. Che per fortuna non ha avuto alcun tipo di conseguenza e «non è stato ripreso dai cellulari», dicono i grillini. In rete infatti girano dei meme (fotomontaggi) che la ritraggono sorridente mentre saluta, appunto, da dentro una buca. Un modo per sdrammatizzare una piaga della Capitale. Democratica e trasversale perché colpisce il centro storico come le periferie.

LA PAURA
L'inconveniente in questo caso è accaduto ieri poco prima di pranzo in pieno centro storico. Raggi stava inaugurando il nuovo tratto di isola pedonale lungo il Corso. Dopo la passeggiata di rito, si è fermata per le foto e le dichiarazioni a largo Goldoni, angolo con via della Fontanella Borghese. Durante il consueto «a margine», i cronisti hanno provato a chiederle cosa ne pensasse della sfortunata uscita di Grillo «a Roma nessuna buca» e della risposta della consigliera regionale Roberta Lombardi («Caro Beppe sulle buche non fai ridere»). Ma ha preferito glissare.

L'ANNUNCIO
In compenso la sindaca è tornata sull'ultima, triste moda di cerchiare di giallo l'asfalto rovinato per evitare incidenti. Un'idea lanciata da Graziella Viviano, la madre di Elena Aubry, la ragazza di 25 anni, morta in moto proprio per colpa del manto stradale deteriorato. Su questo punto Raggi ha detto: «Noi ci stiamo dedicando molto al rifacimento delle strade, stiamo investendo tutte le risorse che abbiamo e ne stiamo cercando nuove risorse perché la situazione delle strade di Roma sconta una mancata manutenzione per anni, dobbiamo accelerare il più possibile». Finito di parlare, la nemesi che sa di beffa, le buche hanno bussato al tacco della scarpa della sindaca, che è riuscita a non cadere a terra. Chissà se lo racconterà a Grillo...

 
Domenica 8 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 09-07-2018 00:06

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 49 commenti presenti
2018-07-09 20:18:45
La legge della buca : guardate dove camminate o son cavoli vostri ;-)
2018-07-09 16:50:55
Bisognerà verificare se la buca è una delle tante lasciate dal PD o una nuova buca, made M5S.. Saluti
2018-07-09 12:26:05
signori miei ...le cose sono cambiate ..succede che un bel giorno dopo anni di "magna tu che magno io" arriva un sindaco che dice chi fa i lavori si prende la responsabilità e da la garanzia di una eventuale manutenzione ...bene oltre alle ditte che non partecipano ci sono i dirigenti che non avviano i lavori per paura di problemi e cause varie. La responsabilizzazione è in atto e ne vediamo gli effetti di un italiano medio dove pensa a prendere i soldi del lavoro fatto ma non ci vuole mettere la faccia ....i giornali chiaramente ricamano sul problema ma non sulla causa ciao gente
2018-07-09 09:25:23
Se dopo due anni non è riuscita a tappare le buche delle strade, figuriamoci se riesce ad attappare tutte le altre buche (bilancio, sanità, rifiuti e compagnia cantando).
2018-07-09 08:27:47
ma se le buche non ci sono, lo dice Grillo, il capo supremo, dov'è caduta la Virginia? forse una storta, e poi come ogni buon romano ci sta a provà con le buche che non esistono?
49
  • 12,7 mila
QUICKMAP