Rogo nella casa, pittore muore carbonizzato: si indaga anche per omicidio

Venerdì 18 Dicembre 2015 di Marco De Risi

Si tinge di giallo la morte di Alessandro Scarfagna, 40 anni, pittore, il cui corpo è stato trovato martoriato dalle fiamme nella sua abitazione di via della Marranella di Marino, a Ciampino. Sono i carabinieri della compagnia di Frascati ad indagare e non trascurano alcuna ipotesi sebbene quella prevalente è quella dell’incidente.

Stamattina, verso le 11, la madre si è preoccupata dopo che il figlio non rispondeva al cellulare e ha chiamato i soccorsi. Allo stabile sono accorsi i carabinieri che hanno scoperto il corpo del pittore carbonizzato da un incendio che era divampato nella notte.

La cosa singolare è che il rogo è partito da punti diversi dell’appartamento. Il pittore potrebbe avere cercato di spegnere l’incendio e così potrebbe inconsapevolmente creato altri focolai. In casa c’era materiale infiammabile: i colori e le tele. Ma solo l’autopsia che si terrà nei prossimi giorno stabilirà con l’esattezza le cause della morte. Da quello che risulta agli investigatori il pittore non sarebbe stato depresso e, quindi, si tende a scartare l’ipotesi del suicidio. Non si è esclude, fino a quando sarà effettuata l’autopsia, che si possa essere trattato di un omicidio.

Ultimo aggiornamento: 23:18

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma