Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tumore al seno di 15 chili rimosso al Gemelli: salvata donna di 60 anni

Tumore al seno di 15 chili rimosso al Gemelli: salvata donna di 60 anni
di Mauro Evangelisti
2 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Marzo 2016, 15:50 - Ultimo aggiornamento: 13 Marzo, 09:52
Un tumore al seno del peso di quindici chili è stato rimosso, con un intervento chirugico che ha pochi precedenti, al Policlinico Gemelli. La donna, 60 anni, per molto tempo aveva nascosto il suo problema, un po' per paura, un po' per l'imbarazzo, visto che il suo corpo era deturpato dalla presenza del tumore. L'operazione, durata tre ore, è stata eseguita dal professor Riccardo Masetti (dirige la struttura afferente all'Area Salute della Donna dell'ospedale universitario) insieme alla sua équipe. La signora, che non aveva mai smesso di lavorare, ora è stata dimessa.

Racconta il professor Masetti: «Si tratta di un caso quasi unico per le dimensioni cui era arrivata questa neoplasia, cresciuta localmente in modo abnorme. Purtroppo  non è la prima e nemmeno l'ultima paziente che si presenta alle cure mediche con un tumore molto grande, ma certo posso dire di non aver mai visto in 35 anni di carriera una neoplasia di queste dimensioni. Adesso  dovremo aspettare i risultati dell'esame istologico ma in genere questi tumori hanno una biologia non molto aggressiva, ed anche lo sviluppo di eventuali lesioni secondarie avviene in modo più lento».

Ma come è possibile che  una persona attenda così tanto tempo prima di rivolgersi al medico? Spiega il professor Masetti: «Si arriva malauguratamente ancora a situazioni così estreme perché a volte la paura del tumore è talmente paralizzante da creare un circolo vizioso: ti accorgi di avere un tumore, la paura ti blocca e il tumore continua a crescere; all’angoscia per la malattia poi si somma un senso di vergogna e mortificazione perché ci si rende conto della propria manchevolezza e insorge la preoccupazione di essere rimproverata per esempio dai familiari»,

L’Unità Operativa di Chirurgia Senologica del Gemelli effettua una media di 800 interventi annui, prevalentemente per tumori del seno.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA