Roma e Padova gemellate: via alla partnership tra GayVillage e Padova Pride Village

Gay Village e Padova Pride Village uniti in un gemellaggio
All'indomani della Giornata internazionale contro l'omofobia, per la prima volta i due più importanti festival arcobaleno italiani scelgono di avviare un gemellaggio che non sarà soltanto simbolico. Da quest'anno, infatti, Gay Village e Padova Pride Village, stringono un patto di partnership contro l'omofobia nel segno di un'estate di battaglie e divertimento contro ogni discriminazione.

I due festival tematici più importanti saranno uniti virtualmente da quella bandiera e da quei significati di cui negli anni si sono fatti portavoce, proponendo sempre un intrattenimento culturale di grande spessore e significato sociale. Più appuntamenti di scambio tra le kermesse (tra cui 8 e 28 Giugno, 13 Luglio e 25 Agosto), in cui i letteralmente "scambieranno" la pelle attraverso le ospitate dei personaggi più di spicco delle rispettive compagini (mentre artisti di Roma andranno a Padova, gli artisti di Padova verranno a Roma).
 
«Le due più grandi manifestazioni della comunità gay, dal centro sud al centro nord, si uniscono nella battaglia contro le discriminazioni - dice Imma Battaglia, anima del GayVillage - Un'unione importante per un Paese che necessita di massima attenzione a causa dell'arretramento culturale, politico e sociale in cui versa. Sono felice di accogliere Alessandro Zan e la sua colorata famiglia che con la nostra oggi, amplierà la sua grandezza, stretti e pronti a ripartire per una concreta politica dei diritti. Perché da nord a sud nessuno possa sentirsi solo».
 
«Finalmente il Padova Pride Village e Il Gay Village di Roma si abbracciano per dare un segnale forte contro l'odio, contro l'ignoranza e contro le violenze - sottolinea Alessandro Zan, che è il 'papà' della manifestazione del Nord Est - L'omotransfobia è una piaga che colpisce quotidianamente la comunità LGBT, ma con queste grandi manifestazioni siamo riusciti a creare nelle nostre città, Padova e Roma, due spazi aperti e liberi, con un messaggio ben chiaro: le discriminazioni stanno fuori. Sarà un vero piacere collaborare con tutto lo staff del Gay Village per ribadire che la nostra lotta per i diritti di tutti continua».
Venerdì 18 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 19-05-2018 09:38

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-05-31 17:40:11
che schifo...
2018-05-31 14:30:09
Auguri
2018-05-20 10:03:47
Buffoni.
2018-05-19 20:22:43
Onestamente andare in giro a festeggiare al limite della sconcezza e degli atti osceni in luogo pubblico ha poco a che vedere con i diritti.....me dispiace ma in Italia non passate e non fate tenerezza anzi....le battaglie si combattono con la compostezza e la determinazione ma sempre entro limiti di valori accettabili senno' vale pure stuprare le capre in via frattina....siamo in un mondo libero dopotutto no?.... se la capra e' senziente....
2018-05-19 11:42:41
BASTA con questa ostentazione sfrenata, fatevi gli affari vostri e smettetela di rompere gli stivali alla gente
QUICKMAP