Fiumicino, aeroporto operativo al 50%, riaperto terminal 3. Incendio, oggi informativa alla procura

Fiumicino, aeroporto operativo al 50%, riaperto terminal 3. Incendio, oggi informativa alla procura
5 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Maggio 2015, 07:58 - Ultimo aggiornamento: 9 Maggio, 09:13

Aeroporto di Fiumicino al 50% della sua capacità anche per tutta la giornata di oggi, dopo l'incendio che ieri ha devastato il terminal 3 e causato enormi disagi ai passeggeri ma anche al traffico di Roma. Attesa oggi in procura un'informativa sui rilevamenti di Vigili del fuoco e Polaria: l'ipotesi è un corto circuito.

Riaperto il T3 Nelle prime ore di questa mattina il terminal 3 è stato riaperto (l'area check-in). Lo rende noto ufficialmente Aeroporti di Roma. Squadre di 300 dipendenti di AdR, tra tecnici, addetti alle pulizie e alla manutenzione, hanno lavorato l'intera notte per renderlo operativo dall'alba. Nella hall partenze del terminal sono tornati infatti ad operare regolarmente l'80% dei banchi check-in. La task-force di AdR, formata da 400 persone, continua il presidio permanente di assistenza ai viaggiatori, distribuendo acqua e generi di conforto. «Tutto ciò - sottolinea AdR - è stato possibile in quanto la struttura interessata dall'evento ha riguardato solo l'area commerciale dopo i controlli di sicurezza».

Un vertice tra i periti e i vertici di Aeroporti di Roma si è svolto a Fiumicino per cominciare a quantificare l'entità dei danni in seguito all'incendio. Al momento la priorità da parte dell'azienda resta quella dell'apertura dei varchi. «Sono stati aperti 16 gate per l'imbarco al Terminal 3», ha annunciato il presidente dell'Enac, Vito Riggio. «Per la riapertura completa di tutto il terminal - spiega il presidente Enac, Vito Riggio - bisognerà attendere il dissequestro da parte della Procura di Civitavecchia».

L'inchiesta Il pm di Civitavecchia Valentina Zavatto è all'aeroporto di Fiumicino per compiere un sopralluogo nella zona del Terminal 3 devastata dall'incendio scoppiato due notti fa. A quanto si è appreso, il magistrato, che ieri ha fatto sequestrare l'area dopo aver aperto un fascicolo per incendio colposo, sarebbe giunto al Leonardo da Vinci da qualche minuto per rendersi conto di persona di quanto accaduto.

Le fiamme L'incendio si è sviluppato intorno a mezzanotte all'interno dell'area commerciale al piano -1 del Terminal e ha interessato un'area di circa 1.000 metri quadrati. Sarebbe partito dalla presa elettrica di un frigorifero all'interno della cucina di un ristorante nella galleria commerciale all'interno della sala transiti del Terminal 3. Le fiamme si sarebbero poi propagate lungo i collegamenti elettrici facendo scattare l'allarme antincendio quando le fiamme erano ormai già alte.

Alcuni testimoni, tra cui dipendenti dei negozi e dei punti ristoro, avrebbero assistito al momento in cui l'incendio è divampato e poi si è propagato. «Una teste ci ha indicato l'origine dell'incendio in un vano dietro il frigorifero dell'esercizio commerciale», ha spiegato il vice questore Antonio Del Greco. «La dipendente del bar ha fatto subito allontanare le persone e poi è scattato l'allarme». Vista l’ora c’erano poche persone e i vigili del fuoco sono immediatamente intervenuti in forze. Fonti autorevoli escludono che l'incendio abbia origine dolose.

(Leggi anche I racconti dei testimoni)

L'incendio ha provocato la distruzione di gran parte del terminal comprese alcune cabine di controllo passaporti. Sono molti i negozi distrutti. Le fiamme non hanno invece toccato i banchi di accettazione e gli strumenti operativi per la sicurezza, a cominciare dai metal detector. Gli investigatori stanno passando al setaccio le immagini delle telecamere per ricostruire con esattezza quanto accaduto.

Lento ritorno alla normalità. L'Ente nazionale dell'aviazione civile (Enac) informa che «l'operatività dell'aeroporto di Roma Fiumicino interessato da un incendio al Terminal 3 la notte scorsa - si legge nel documento - sta gradualmente riprendendo, sebbene con capacità ridotta». «Presso il Terminal 3, inoltre, si sta procedendo con la pulizia di alcune aree non interessate dall'incendio, al fine di poter riavviare alcune attività anche da questo terminal», prosegue la nota dell'Enac, che infine rinnova l'invito ai passeggeri interessati a contattare le compagnie aeree di riferimento per avere conferma in merito all'operatività e all'orario del proprio volo.

Ceck-in per tutti i voli al Terminal 1. Alitalia informa che la disposizione dell'Enac per la giornata di oggi di riduzione di circa il 50% dei voli in partenza e arrivo sullo scalo di Fiumicino, riguarderà in modo proporzionale tutte le compagnie aeree operanti su Roma Fiumicino e tutti i passeggeri Alitalia ed Etihad Airways - spiega la compagnia dovranno fare il check-in al Terminal 1 indipendentemente dalla destinazione. Alitalia ha predisposto anche per domani una task force per assistere i passeggeri allo scalo e alleviare i disagi e sta pianificando la riprotezione dei passeggeri per quanto possibile in virtù dell'elevato numero di cancellazioni imposte dalle circostanze. Tutti i passeggeri Alitalia sono invitati a controllare lo stato del proprio volo 4 ore prima della partenza del volo sull'apposita sezione del sito Alitalia.com, attraverso le app Alitalia oppure contattando il numero verde 800.650055. La Compagnia cercherà di limitare al massimo i disagi ai passeggeri anche utilizzando gli aerei più capienti della sua flotta. Alitalia invita i passeggeri in partenza domani su voli confermati a recarsi in aeroporto con congruo anticipo e ricorda che tutti i viaggiatori coinvolti hanno diritto alla riprotezione su nuovi voli Alitalia, modificando la propria prenotazione entro Venerdì 15 maggio, o al rimborso del biglietto in caso di cancellazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA