Roma, 17enne filippina pestata al Flaminio: «Vittima di un branco di bulle»

Venerdì 6 Aprile 2018 di Camilla Mozzetti

«Poteva andare peggio ma per fortuna ora mia figlia sta bene», apre la porta di casa e con un sospiro che sembra essere di sollievo , la madre della diciassettenne filippina aggredita da un branco di coetanei lo scorso 8 marzo, festa della donna, in via India al Villaggio Olimpico, ripercorre brevemente l'aggressione di cui la ragazzina è rimasta vittima. «Cosa è successo non l'abbiamo ancora capito, l'hanno aggredita senza motivo continua la donna non ci spieghiamo questa cosa, ma ora è passata, speriamo che le autorità facciano chiarezza». Dietro la sua esile figura, alla fine di quel lungo corridoio in un appartamento al primo piano di una palazzina umbertina del quartiere Prati, si vede lei, Elisa (la chiameremo così) che nella sua stanza con le braccia appoggiate alla scrivania parla al telefono. Si gira all'improvviso e quando si accorge che c'è una persona all'ingresso, corre verso la madre. I capelli lungi raccolti in una coda, una maglietta bianca e dei calzoncini. Corre scalza. Il braccio non è più fasciato. Dopo l'aggressione di un mese fa, sul volto è tornato un timido sorriso. A scuola, al liceo linguistico Lucrezio Caro, però, ieri non è andata.

Elisa come mai sei rimasta a casa?
«Avevo mal di testa, ma adesso sto bene».

Ti ricordi cosa è successo quella mattina dell'8 marzo?
«Non li conoscevo, sono sbucati all'improvviso, mi hanno circondato, picchiato, era un gruppo, c'erano anche delle ragazze».

Ti era mai capitato in passato di essere aggredita per strada?
«No, mai. A scuola però avevo litigato con alcuni compagni, c'erano state delle discussioni».

Di che tipo?
«Prima dell'aggressione un gruppo di studenti di un'altra classe è entrato nella mia sezione per litigare».

E cosa hanno fatto?
« Hanno iniziato a insultarci, a offendere tutti i compagni, dicendoci che eravamo una classe di m....»

E perché si sono comportati in questo modo? C'erano stati dei problemi?
(La ragazza prima di rispondere guarda la madre) «Non lo so, sono piombati in classe così».

Pensi che i due episodi, la litigata in classe e l'aggressione, siano collegati?
«Non credo, quelli che mi hanno picchiato quella mattina non li conosco, non li ho mai visti».

A scuola ci vai volentieri? Ti senti a tuo agio con i compagni?
«Sì, tutto ok».

Quindi non te ne vuoi andare?
«No. Io voglio restare a Roma, ho avuto paura, non lo so perché mi hanno picchiato, lo chiedevo ma loro non rispondevano, poi sono fuggiti. Ora sto bene».

Elisa vive a Roma da quasi cinque anni, sua mamma è legata a un italiano che insieme alla sorella ha gestito nei giorni scorsi i rapporti con la scuola. Dal liceo hanno fatto sapere che è stato richiesto il nulla-osta per il trasferimento della studentessa. Ma la madre non ha ancora firmato il documento. In casa si sta ragionando se mandare per qualche tempo Elisa nelle Filippine.
 

Ultimo aggiornamento: 10:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il ritorno della grillina Alisia dall’Olanda a Strasburgo

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma