Roma, fecondazione eterologa nel Lazio anche con il ticket

Sabato 28 Luglio 2018 di Mauro Evangelisti
Fecondazione eterologa nel Lazio con il ticket
Due centri di procreazione medicalmente assistita, nell'Asl Roma 1, offrono per la prima volta il servizio di fecondazione eterologa in una struttura pubblica. Non esisteva nel Lazio, ma in realtà non esisteva in tutto il centro sud: i due centri - all'ospedale San Filippo Neri e al Sant'Anna in via Garigliano - diventeranno un punto di riferimento per mezza Italia. Ieri mattina c'è stata l'inaugurazione, alla quale hanno partecipato il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, l'assessore alla Sanità, Alessio D'Amato, il direttore generale dell'Asl Roma 1, Angelo Tanese; per molte coppie ci sarà la possibilità di rivolgersi al servizio sanitario pubblico, senza dovere rivolgersi al privato o andare in paesi vicini come la Spagna. Le tariffe pubbliche sono molto più basse: il ticket varia tra 1.500 e 4.000 euro a seconda della tecnica utilizzata. La visita può essere prenotata direttamente al Recup (chiamando il numero 803333) e al Cup dell'Asl Roma 1.

VADEMECUM
Alcune cose da sapere: alla fecondazione eterologa possono accedere solo le donne che non abbiano compiuto 43 anni, deve essere dimostrata la sterilità di uno dei due partner. Questo tipo di trattamento prevede l'utilizzo di gameti (ovociti e/o spermatozoi) provenienti da donatori esterni alla coppia stessa. Inoltre, per la donazione di ovociti o del seme sono considerate una serie di condizioni, mentre l'Asl ha siglato degli accordi con delle banche di donazioni. I donatori se donne hanno un'età compresa tra 20 e 35 anni, gli uomini tra 18 e 40. «Non è possibile scegliere le caratteristiche fenotipiche del donatore - precisano all'Asl Roma 1 - ma il centro deve garantire la compatibilità di colore della pelle, gruppo sanguigno e colore dei capelli e degli occhi, rispettando il più possibile le caratteristiche fenotipiche della coppia». Ieri Zingaretti ha ricordato: «L'avvio di questi due centri è un altro segnale di quello che vuol dire uscire dal commissariamento: non chiudere e basta ma assumere personale, investire in macchinari e aprire nuovi servizi ai cittadini». Ricordano in Regione: «La Corte Costituzionale (sentenza 162/2014) ha superato il divieto di fecondazione eterologa imposto dalla Legge 40/2004 e con il DCA 29 del 2016 la Regione Lazio ne ha fissato le linee guida, permettendo così l'avvio delle procedure di attivazione della fecondazione eterologa con trasparenza e certezze per i cittadini e i medici, e con massimi criteri di sicurezza, nel secco divieto di fare ricorso a pratiche eugenetiche». Tanese: «L'avvio della fecondazione eterologa presso il Sant'Anna e il San Filippo Neri è un'altra tappa importante che valorizza le professionalità della Azienda e garantisce un servizio pubblico di eccellenza ai nostri residenti».

BENE I CONTI
Ieri D'Amato ha insistito molto sul fatto che si sta investendo sulla sanità, ma allo stesso tempo è stato ridotto il disavanzo. Proprio giovedì si è riunito il tavolo tecnico con Mef e Ministero della Salute per verificare l'andamento dei conti in vista della conclusione del percorso di uscita dal commissariamento: per il 2017 è stato certificato un disavanzo da 46 milioni di euro, segno che il 2018 si potrà chiudere a quota zero. «Per la prima volta nella sua storia - ha detto Zingaretti - la sanità del Lazio non produrrà disavanzo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA Ultimo aggiornamento: 30 Luglio, 19:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma