Fasciani bis, nel secondo processo d'appello «considerare aggravante mafiosa»

Giovedì 24 Maggio 2018
È iniziato oggi, davanti alla terza Corte d'appello di Roma il secondo processo d'appello che vede sul banco degli imputati presunti appartenenti al clan Fasciani di Ostia. Al nuovo dibattimento si è arrivati dopo un rinvio della Cassazione per valutare l'esistenza dell'accusa di mafia a carico degli imputati decaduta in secondo grado.

Tredici sono gli imputati, con in testa Carmine Fasciani (in primo grado condannato a 28 anni, con pena ridotta in appello a dieci anni per il non riconoscimento del reato associativo di tipo mafioso) e la moglie Silvia Bartoli (passata dai 16 anni di pena in primo grado ai sei anni e mezzo in appello). Complicata la vicenda processuale che ha visto alla sbarra quello che all'epoca fu indicato come il clan del litorale romano. In primo grado ci furono pesanti condanne, per un complessivo che superò i duecento anni di carcere; in appello, però, cadde l'accusa di associazione e l'aggravante della modalità mafiosa.

Ci furono quindi dieci condanne, numericamente più contenute. E si è arrivati alla decisione della Cassazione, che il 26 ottobre dello scorso anno ha ordinato di rifare il processo d'appello al fine di riprendere in considerazione l'accusa di mafia, con le relative aggravanti, anche per il narcotraffico; cosa, questa, che in caso di riconoscimento, potrebbe portare al ritorno alle condanne pesanti inflitte in primo grado.

LEGGI ANCHE: Ostia, la Cassazione: «Il clan Fasciani è mafioso»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma