Omicidio Desirée, arrestato lo spacciatore dei farmaci: è un romano di 26 anni

Domenica 11 Novembre 2018 di Camilla Mozzetti

Secondo le testimonianze è stato lui, con i farmaci sottratti alla madre (gocce di Tranquillit in primis), a portare nel palazzo dell'orrore di via dei Lucani le sostanze utilizzate dal branco insieme al mix di metadone, eroina e crack , per stordire Desirée Mariottini. E ora quell'uomo, Marco Mancini, è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile. È un romano di 36 anni, incensurato. A San Lorenzo sembra che avesse iniziato a operare da poco tempo, tanto che qualche giorno prima della morte della sedicenne di Cisterna di Latina, era stato aggredito in strada da altri gruppi di spacciatori che mal sopportavano la sua presenza. Sono le stesse testimoni chiave dell'inchiesta, Muriel e Giovanna, a parlarne negli uffici della Questura non sapendo di essere intercettate dagli inquirenti.

Desirée, spunta un quinto stupratore. Un testimone: «Violentata anche da morta»

Le due donne discutono di Marco, dell'appuntamento che l'uomo aveva dato a Muriel ma al quale non si era presentato, forse per quel «coltello infilzato nella gamba». Gli agenti della Squadra Mobile sono riusciti a trovarlo anche grazie ai controlli sulle vendite nelle farmacie delle sostanze rinvenute nel palazzo abbandonato e citate nelle ampie testimonianze di coloro i quali, la notte del 18 ottobre scorso, erano in via dei Lucani. L'uomo potrebbe essere indagato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Mancini, secondo gli inquirenti, «con più azioni esecutive di uno stesso disegno criminoso, illecitamente deteneva e cedeva sostanze stupefacenti come cocaina, eroina e psicofarmaci che inducono effetti psicotropi anche contenenti 'quetiapinà, cedendole a persone che a tale fine frequentavano i locali di via Dei Lucani 22» e quindi anche a Desirée Mariottini, «minore di anni 18».

«L'indagato è stato rintracciato presso la fermata metropolitana  "Pigneto". All'atto della controllo, inoltre, Mancini è stato sottoposto a perquisizione personale e locale. All'uomo sono state sequestrate 12 dosi di cocaina e psicofarmaci di vario genere, motivo per cui lo stesso è stato segnalato all'Autorità Giudiziaria per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope».

Intanto si aspettano i risultati del Dna estratto dai campioni biologici sul corpo di Desirée per capire in quanti l'abbiano violentata. Sempre dalle intercettazioni ambientali, emergerebbe un quinto uomo, oltre ai 4 fermati con l'accusa di omicidio volontario. Si tratterebbe di un marocchino che, secondo il racconto di un'altra testimone, Narcisa, avrebbe abusato della ragazza dopo il suo decesso: «Il bulgaro mi ha detto che ha visto un marocchino di carnagione bianca che si t... la ragazza mentre quella lì era morta».
 

Ultimo aggiornamento: 12 Novembre, 09:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma