Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

San Giuseppe dei Falegnami, due indagati per il crollo del 30 agosto scorso

Roma, due indagati per il crollo del tetto della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami
di Michela Allegri
1 Minuto di Lettura
Venerdì 12 Ottobre 2018, 14:00 - Ultimo aggiornamento: 14:11

Due indagati per il crollo a Roma del tetto della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami. Si tratta di Stefano Di Stefano e Gaetano Correra, titolare e direttore dei lavori della ditta che nel 2015 si occupò di alcuni interventi di restauro.
 

 

L’accusa contestata dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia e dal pm Mario Dovinola per il cedimento del tetto della chiesa cinquecentesca situata nel centro di Roma, a due passi dal Campidoglio, è crollo colposo. I fatti risalgono al 30 agosto scorso: nel primo pomeriggio il soffitto si era letteralmente sgretolato ed era franato in terra. Il boato era stato talmente forte che alcuni passanti avevano pensato ad un attentato. La tragedia era stata evitata solo per miracolo. Quella di San Giuseppe dei Falegnami, infatti, è una delle chiese più suggestive e richieste per i matrimoni. Due giorni dopo il crollo si sarebbe dovuta svolgere lì una cerimonia nunziale con 150 invitati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA