Castel Gandolfo, ritrovato il corpo di Elnur: difficile il recupero nel lago a 100 metri di profondità

Domenica 17 Giugno 2018
1

Ci sono volute due settimane di ricerche per ritrovare il corpo del ragazzo di Elnur Babayev, 29 anni dell'Azerbaigian scomparso il 2 giugno nelle acque del lago a Castel Gandolfo, vicino Roma. Il giovane quel giorno si tuffò per un bagno e non riemerse più. Sul posto i carabinieri di Castel Gandolfo e i vigili del fuoco. 
 

 
 
La salma è stato localizzato nel pomeriggio di sabato a 100 metri di profondità dai sonar dei sommozzatori dei vigili del fuoco di Roma e Marino al lavoro da 15 giorni nel lago Albano. Nella mattinata si è cercato di mettere in acqua l'imbarcazione-ponte di 4 tonnellate arrivata da Milano con il robot subacqueo per il recupero del corpo, ma si è reso necessario l'uso di una gru nella zona boschiva degli 11 scogli, dove l'acqua è molto alta è accessibile dopo pochi metri.

La zona delle operazioni al momento è è chiusa e presidiata dai carabinieri e dalla polizia locale. E' presente anche il padre del giovane, colto anche da un malore e soccorso dal 118, rappresentanti dell'ambasciata azera a Roma e alcuni familiari e amici giunti dall'Azerbaigian.

LEGGI ANCHE Gli amici arrivano in massa dall'Azerbaigian

Ultimo aggiornamento: 16:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma