Casa, residence addio a Roma arriva il bonus da 800 euro

Venerdì 23 Maggio 2014
4
​Arriva a Roma il bonus casa di 800 euro accompagnato da 5mila euro di «buona uscita» per incentivare le famiglie che ora abitano nei residence a trovare un appartamento e ad arredarlo. E contro il problema della morosità e degli sfratti scendono in campo i Municipi che avranno a disposizione 2,2 milioni di euro destinati all'erogazione di un contributo all'affitto. Il Campidoglio lancia il Piano di intervento per il sostengo abitativo nella Capitale.



La delibera, approvata ieri in giunta, prevede 12 milioni di euro di fondi regionali che saranno investiti per ridisegnare strumenti e finalità delle politiche abitative. Stop alla concentrazione del disagio abitativo e addio alla politica dei residence, recupero della capacità di agire delle famiglie in precarietà abitativa, personalizzazione degli interventi e razionalizzazione delle risorse. Queste le parole chiave del nuovo piano che si basa su tre punti: un Servizio di Assistenza Alloggiativa Temporanea - Saat per garantire un'adeguata sistemazione alloggiativa ai nuclei che vivono in particolari condizioni di disagio socio-abitativo in seguito a sgomberi dovuti a calamità o catastrofi, per motivi di sicurezza o demolizioni o ancora per provvedimenti esecutivi di sfratto per morosità incolpevole.



Per accedere al servizio Saat tra i requisiti le famiglie devono avere un reddito massimo 18mila euro e non essere assegnatari di case popolari o proprietari di immobili; il Buono Casa che prevede una copertura del canone d'affitto per 4 anni - da 600 a 800 euro al mese - e permetterà alle famiglie ospiti nei residence di trovare una casa. A questo si aggiunge un contributo di 5mila euro, erogato una tantum, che potrà essere utilizzato per acquistare mobili, cucine e elettrodomestici; infine un contributo d'affitto per evitare che famiglie in difficoltà economiche diventino morose e a rischio sfratto. «Questo provvedimento credo sia davvero importante perchè ci permette di cambiare passo - spiega l'assessore alla Casa Daniele Ozzimo - Oggi il nostro obiettivo è far stare meglio e dare un'assistenza alloggiativa migliore alle persone in difficoltà. Non vogliamo abbandonare le persone ma vogliamo accompagnare le famiglie ad interfacciarsi anche con il mondo del lavoro».



«Vogliamo cambiare pagina rispetto all'idea dei residence - commenta il sindaco di Roma Ignazio Marino - Per decenni sono state spese somme superiori ai 20 milioni di euro per tenere delle persone in ”ghetti abitativi”. Ora invece ci vogliamo basare sugli interessi dei cittadini più deboli. E queste misure daranno sollievo a moltissime famiglie. Questo è il pacchetto Casa più completo in tutta Italia. Non c'è nessun comune ad averlo». © RIPRODUZIONE RISERVATA